Recupero accise gasolio, un’agevolazione che non tutti conoscono

Recupero accise gasolio, un'agevolazione riconosciuta dall'Agenzia delle Dogane, di cui pochi sono a conoscenza: ecco chi può usufruirne e in che modo.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Recupero accise gasolio, un'agevolazione riconosciuta dall'Agenzia delle Dogane, di cui pochi sono a conoscenza: ecco chi può usufruirne e in che modo.

Recupero accise con la contabilizzazione dei consumi di gasolio. In base al Testo Unico delle Accise, ed alle successive circolari dell’Agenzia delle Dogane 25/D del 11/08/11, 5/D del 12/03/10, 33/D del 15/09/06, le Aziende che operano nell’ambito di siti ben delimitati,  possono ottenere il rimborso del 70% dell’accise sul gasolio per il carburante consumato dalle macchine operatrici, fisse o semoventi, per la produzione di forza motrice con motore termico durante le ore di lavoro effettivo.

Il rimborso accise gasolio è un’agevolazione poco nota, è prevista per i macchinari fissi, per quelli non omologati per la circolazione su rete stradale pubblica e per quelli omologati con limitazioni.

Recupero accise: mezzi interessati

I mezzi interessati possono essere:

  • macchine movimento terra, carrelli elevatori, sollevatori, escavatori, ragni, pale gommate/cingolate, ruspe, bulldozer, dumper,  frantumatori, trituratori, perforatrici, gru per lo spostamento dei container, gruppi elettrogeni e tante altre macchine operatrici.

Inoltre, i mezzi possono essere di proprietà, in noleggio e/o comodato.

Recupero accise: come avviene

Per usufruire dell’agevolazione, l’Agenzia delle Dogane, con la Circolare 5D del 12 marzo 2010 prot.33934, ha disposto che, è necessario installare su ciascun mezzo un contatore fiscale del numero di giri motore e delle ore di lavoro, omologato dal Produttore e verificato dagli Ispettori dell’Agenzia delle Dogane.
Il conteggio cumulativo dei giri e delle ore, e la curva di consumo del motore del macchinario, costituiscono i parametri fondamentali per calcolare il consumo agevolabile (in litri) del mezzo, sul quale si può chiedere il rimborso del 70% dell’accisa, pari a circa 0,43 €/lt.
Il recupero dell’accisa è fondamentale per tutte le Aziende che utilizzano mezzi d’opera con consumi importanti.
L’Agenzia delle Dogane competente procede poi all’esame della documentazione prodotta e verifica con un sopralluogo tecnico la situazione degli impianti installati sui mezzi. Successivamente sarà comunicato al richiedente il riconoscimento dell’agevolazione dell’accisa ridotta.

Recupero accise: classi di attività

Le aziende che possono partecipare al beneficio sono definite dalle lettere A-H nella classificazione ATECO 2007.

Le classi di attività beneficiarie dell’agevolazione sono le seguenti:

  • Agricoltura, silvicoltura e pesca;
  • Estrazione di minerali da cave e miniere;
  • Attività manifatturiere;
  • Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata;
  • Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento;
  • Costruzioni;
  • Commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli;
  • Trasporto e magazzinaggio.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: News Fisco, Accise carburanti