Rateizzazione Equitalia più semplice nella riforma fiscale

Rateizzazione Equitalia concessa prima che l’incarico della riscossione sia affidato alla società. Approvato l’emendamento nel ddl per la delega alla riforma fiscale

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Rateizzazione Equitalia concessa prima che l’incarico della riscossione sia affidato alla società. Approvato l’emendamento nel ddl per la delega alla riforma fiscale
Più semplice ottenere la rateazione Equitalia grazie all’emendamento approvato al ddl per l adelega di riforma fiscale

Rateizzazione Equitalia nella delega per la riforma fiscale. Novità all’orizzonte per il contribuente che deve pagare debiti tributari e voglia procedere alla rateazione.

Rateizzazione Equitalia nel ddl di delega per la riforma fiscale

E’ stato infatti approvato dalla Commissione finanze della Camera un emendamento al decreto legge riguardante la tanto nota delega per la riforma fiscale che occuperà il lavoro dei tecnici ministeriali nei prossimi giorni, visto che è un appuntamento molto importante nell’agenda di Governo.

Le novità per il contribuente sulla rateizzazione Equitalia

L’emendamento approvato riguarda la possibilità di procedere alla rateizzazione Equitalia, quindi dei debiti tributari sempre più facilmente. Una procedura per la richiesta di rateazione che sia più semplice rispetto a quello prevista attualmente, con ridotte garanzie patrimoniali e soprattutto, questa è la novità più importante, la possibilità di ottenere la rateizzazione Equitalia, prima ancora che venga affidato all’agente il compito di procedere proprio alla riscossione. Quindi si potrà procedere alla rateizzazione Equitalia anche solo sulla base dell’avviso di accertamento emesso dall’Agenzia delle entrate. Dal canto suo però il contribuente avrà sempre l’onere di dover dimostrare la situazione di obiettiva difficoltà economica in cui temporaneamente versa.

Cosa prevede la riforma fiscale

Detto ciò, pare utile ricordare brevemente gli altri punti che tocca il ddl di delega per la riforma fiscale. In primo luogo vi è il capitolo sul catasto, ossia la revisione del catasto che sia leggera verso gli immobili di interesse storico-artistico. Poi vi è il capitolo riguardante l’Iri, l’imposta sul reddito d’impresa che dovrà avere la stessa aliquota dell’Ires, ossia il 27,5%.

 

Sullo stesso argomento potrebbe interessarti:

Rateizzazione Equitalia: a decidere sull ’istanza è il giudice ordinario

Rateizzazione Equitalia: tutto sull’istanza e i documenti da allegare

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Cartella esattoriale