Quadro F – modello 730 2011: istruzioni per la compilazione

di Alessandra M., redazione Investireoggi.it, pubblicato il

QUADRO F MODELLO 730 – Acconti, ritenute, eccedenze ed altri dati

 

Modello 730/2011 - QUADRO F

SEZIONE I – Acconti Irpef 2010

730 RIGO F1 – Indicare l’ importo dei versamenti di acconto relativi all’ anno 2010, senza inserire le maggiorazioni dovute per rateazione o ritardato pagamento. In caso i versamenti di acconto siano stati trattenuti direttamente dalla retribuzione o dalla rata di pensione del proprio sostituto di imposta, inserire:

Colonna 1 – Indicare l’ importo del punto 21 Cud 2011 e/o del Cud 2010;

Colonna 2 – Indicare l’ importo del punto 22 Cud 2011 e/o del Cud 2010;

Colonna 3 – Indicare l’ importo del punto 24  Cud 2011 e/o del Cud 2010;

Colonna 4 – Indicare l’ importo di eventuali versamenti integrativi eseguiti con il mod. F24 da contribuente a titolo di acconto dell’ addizionale comunale 2010.

In questa sezione occorre comunque inserire gli acconti riferibili a se stesso , anche se la dichiarazione è presentata in maniera congiunta.

In particolare occorre indicare anche gli acconti Irpef non versati a seguito delle disposizioni emanate per eventi eccezionali.

 

SEZIONE II – Altre ritenute subite

730 RIGO F2 – Indicare le altre ritenute subite e precisamente:

Colonne 1 , 2 e 3 – Inserire le ritenute Irpef a titolo di acconto ,le addizionali regionali e le addizionali comunali diverse da quelle indicate ai quadri C e D ( ad esempio quelle operate dall’ Unire agli allevatori);

Colonna 4 – Inserire l’ importo relativo ad addizionale regionale trattenuta che risulta dalla certificazione erogata da chi ha effettuato attività sportiva dilettantistica;

Colonna 5 – Indicare le ritenute operate ai fini Irpef su compensi percepiti dai lavoratori socialmente utili in regime agevolato;

Colonna 6 – Indicare l’ addizionale regionale Irpef su compensi percepiti dai lavoratori socialmente utili in regime agevolato.

 

SEZIONE III – Eccedenze risultati dalle precedenti dichiarazioni

730 RIGO F3 – Indicare nel modo seguente le eccedenze Irpef risultanti dalle precedenti dichiarazioni:

Colonna 1 – Indicare eventuali eccedenze Irpef risultanti dal quadro RX della dichiarazione Unico dell’ anno precedente;

Colonna 2 – Indicare l’ importo dell’ eccedenza Irpef eventualmente compensata utilizzando il modello F24. In tale colonna occorre anche inserire l’ eventuale maggior credito riconosciuto con comunicazione dell’ Agenzia delle Entrate e ugualmente utilizzato in compensazione;

Colonna 3 – Indicare l’ eventuale credito di imposta sostitutiva sui redditi diversi di natura finanziaria;

Colonna 4 – Indicare l’ importo del credito di imposta sostitutiva eventualmente compensata utilizzando il mod. F 24.

730 RIGO F4– Indicare le eccedenze delle addizionali regionali e comunali risultanti dalla precedente dichiarazione. In particolare:

Colonna 1 – Indicare il codice regione relativo al domicilio fiscale al 31.12.2009;

Colonna 2 –Indicare l’ eventuale eccedenza dell’ addizionale regionale all’ Irpef non rimborsata dal datore di lavoro ( punto 32 del Cud 2011 o 31 del CUD 2010 oppure dalla dichiarazione relativa ai redditi 2009 );

Colonna 3 – Indicare l’ importo dell’ addizionale regionale all’ Irpef eventualmente compensata utilizzando il mod. F24;

Colonna 4 – Inserire il codice comune relativo al domicilio fiscale al 1 gennaio 2009;

Colonna 5 – Indicare l’ eventuale eccedenza dell’ addizionale comunale all’ Irpef non rimborsata dal datore di lavoro che risulta dai mod. 33 del Cud 2011 o 32 del Cud 2010 oppure dalla dichiarazione dei redditi del 2009;

Colonna 6 –Indicare l’ importo del’ addizionale comunale all’ Irpef eventualmente compensata utilizzata il mod. F24;

 

SEZIONE IV – Ritenute ed acconti sospesi per eventi eccezionali

730 RIGO F5 – Indicare le ritenute e gli acconti sospesi per effetto di disposizioni emanate per eventi eccezionali.

Colonna 1 – Indicare il codice relativo all’ evento eccezionale;

Colonna 2 – Indicare l’ ammontare delle ritenute e degli acconti Irpef sospesi;

Colonna 3 – Indicare l’ addizionale regionale all’ Irpef sospesa;

Colonna 4 – Indicare l’ addizionale comunale all’ Irpef sospesa;

Colonna 5 – Indicare l’ imposta sostitutiva per l’ incremento della produttività sospesa.

 

SEZIONE V – Misura degli acconti Irper per l’anno 2011 e rateazione del saldo 2010

730 RIGO F6 – Questo rigo deve essere compilato se si ritiene di dover versare in misura inferiore o di non versare gli acconti Irpef o dell’ addizionale comunale per l’ anno 2011;

Colonna 1 – Barrare la casella se si ritiene di non dover versare alcuna somma a titolo di acconto Irpef;

Colonna 2 – Indicare la minore somma che deve essere trattenuta dal sostituto di imposta nel corso del 2011;

Colonna 3 – Barrare la casella se si ritiene di non dover versare alcuna somma a titolo di acconto dell’ addizionale comunale;

Colonna 4 – Indicare la minore somma trattenuta dal sostituto di imposta se si ritiene che si debba pagare un minore acconto dell’ addizionale comunale per il 2011;

Colonna 5 – Indicare in quante rate occorre rateizzare qualora si voglia usufruire della rateizzazione da 2 a 5 rate per il pagamento dell’ Irpef , dell’ addizionale comunale e regionale, della imposta sostitutiva del 20 per cento.

 

SEZIONE VI – Soglie di esenzione addizionale comunale

Questa sezione va compilata dai contribuenti che risiedono in comuni dove è prevista una delibera per il pagamento dell’ Irpef in maniera agevolata.

730 Rigo F7 – Tale colonna va compilata per delibere inerenti l’ anno 2010. Indicare in colonna 1 l’ importo dell’ esenzione della soglia di esenzione deliberata dal Comune, in colonna 2 l’ importo dell’ aliquota agevolata. In caso invece di aliquote diverse barrare la colonna 3.

730 Rigo F8 – Tale colonna va compilata invece se la delibera comunale riguarda l’ anno 2011. Indicare in colonna 1 l’ importo dell’ esenzione della soglia di esenzione deliberata dal Comune, in colonna 2 l’ importo dell’ aliquota agevolata. In caso invece di aliquote diverse barrare la colonna 3.

 

SEZIONE VII – Dati da indicare nel mod. 730 integrativo

Tale sezione va compilata se si è presentato un mod. 730 integrativo.

730 RIGO F9

Colonna 1 – Indicare l’ importo del credito IRPEF che si è avuto in rimborso dal datore di lavoro come indicato nel mod. 730/2011, in particolare l’ importo indicato al punto 91, colonna 4;

Colonna 2 – Indicare l’ importo del credito dell’ addizionale regionale ottenuto in rimborso dal datore di lavoro, in particolare come indicato nel mod. 730/2011 al punto 92, colonna 4;

Colonna 3 – Indicare l’ importo del credito di addizionale comunale ottenuto in rimborso dal datore di lavoro, in particolare inserire l’ importo indicato al punto 93, colonna 4 del mod. 730 / 2011.

730 RIGO F10

Colonna 1 – Indicare l’ ammontare del credito Irpef, già indicato alla colonna 1 rigo F9, che si è utilizzato come compensazione con il mod. F24 per il versamento ICI;

Colonna 2 – Indicare l’ ammontare del credito addizionale regionale , già indicato in colonna 2 rigo F9, utilizzato come compensazione con il mod. F24 per il versamento ICI;

Colonna 3 – Indicare l’ ammontare del credito addizionale comunale , già indicato in colonna 2 rigo F9, utilizzato come compensazione con il mod. F24 per il versamento ICI.

 

SEZIONE VIII – Altri dati

730 RIGO F11 – Deve essere compilato dai contribuenti ai quali il sostituto di imposta ha rimborsato delle somme che non hanno trovato capienza nell’ imposta lorda;

Colonna 1 – Indicare il credito riconosciuto dal sostituto di imposta per ulteriore detrazione per figli a carico che non ha trovato capienza nell’ imposta lorda;

Colonna 2 – Indicare il credito riconosciuto dal sostituto di imposta che non ha trovato capienza nell’ imposta lorda che non ha trovato capienza nell’ imposta lorda;

730 RIGO F12 – Deve essere compilato da chi ha percepito il bonus fiscale senza averne diritto 8 redditi 2006 ) o il bonus straordinario ( reddito complessivo familiare anni 2007 o 2008 )

Colonna 1 – indicare l’ importo relativo al bonus fiscale con riferimento ai redditi del 2006;

Colonna 2 – Indicare l’ importo relativo al bonus straordinario fruito con riferimento al reddito complessivo familiare relativo all’ anno 2007 o 2008;

 

SEZIONE IX – Richiesta di rimborso per somme erogate a titolo di incremento della produttività per gli anni 2008 o 2009

Incremento produttività 730 – I lavoratori dipendenti che sono stati assoggettati ad imposta ordinaria per i lavori fatti in maniera straordinaria o durante orario notturno possono richiedere il rimborso delle somme trattenute eccedenti la tassazione prevista del 10 per cento.

Ricordiamo che il datore di lavoro attuale deve essere lo stesso di quello che ha effettuato le trattenute nel periodo in cui si è presentata la dichiarazione con inseriti i redditi percepiti per attività straordinaria.

 

730 RIGO F13

Colonna 1 – Indicare il codice fiscale del sostituto di imposta che nel 2008 ha effettuato la trattenuta relativa al pagamento delle imposte per lavoro straordinario o notturno;

Colonna 2 – indicare l’ importo al punto 97 del Cud 2011;

Colonna 3 – Indicare il codice fiscale che nel 2009 ha erogato i compensi per lavoro notturno o straordinario;

Colonna 4 – Inserire l’ importo al punto 99 del Cud 2011;

Se le somme sono state erogate da più sostituti di imposta occorre compilare diversi moduli

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Redditi e Dichiarazioni