Permessi legge 104 anche in caso di separazione dei coniugi

Permessi legge 104 per assistere il familiare con handicap grave art. 3 comma 3, si possono chiedere anche se il coniuge è separato?

di , pubblicato il
Permessi legge 104 e lavoro notturno

Permessi legge 104 di tre giorni retribuiti per assistere il familiare con handicap grave, anche nel caso di separazione, analizziamo quando è possibile, rispondendo ad un quesito di un nostro lettore.

Buongiorno, Le invio questa email per porle il seguente quesito:
pur essendo separato, ho inviato attraverso il mio patronato una richiesta di permessi legge 104/92 la settimana scorsa all’INPS poiché la mia ex (moglie)  è non abile al 100% con annotazioni di gravità.


L’INPS ha rigettato la richiesta motivandola  come scritto sulla domanda inviata “il soggetto richiedente non ha diritto ad usufruire dei permessi 104/92 poiché separato”. Premetto che la documentazione inviata era tutta a norma e tra l’altro mia moglie ha firmato l’autorizzazione a mio favore per richiedere i permessi e, che in passato, da non separato, ho già usufruito dei permessi. La domanda che le pongo è la seguente: il separato ha diritto ad usufruire di questi permessi visto che su qualsiasi sito si consulti in materia vi è scritto che è possibile? Come mi devo rapportare nei confronti dell’ INPS? Spero possa lei darmi un consiglio utile per risolvere questo dilemma. La ringrazio a prescindere per il tempo che mi concede.

Permessi legge 104 per assistere l’ex coniuge, solo se “mancanti”

La normativa non vieta al coniuge separato di occuparsi del ex coniuge con handicap grave certificato dal verbale legge 104 art. 3 comma 3, ma pone dei limiti. Nello specifico va considerata la condizione di separazione che riporta alla clausola “mancanza” degli aventi diritto. In effetti la normativa non prevede un ordine di priorità nel caso dei permessi legge 104 retribuiti, ma elenca i beneficiari che sono: il coniuge, i familiari e gli affini di secondo grado e in casi particolari i familiari e affini al terzo grado.

L’assistenza al coniuge separato, si configura nel terzo scaglione, nei casi particolari con l’espressione “mancanti”. Con questa espressione si considera la perdita naturale del familiare o quando il familiare avente diritto è affetto da patologie invalidanti certificate.

Quindi, lei può fare richiesta dei permessi legge 104, solo se si trova in una situazione particolare che rende impossibile l’assistenza degli altri familiari aventi diritto.

Alla domanda dovrà motivare la mancanza o le patologie invalidanti degli altri aventi diritto.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,

I commenti sono chiusi.