Pensione e riscatto laurea con 34 anni di contributi, le possibilità

Pensione e riscatto laurea con 34 anni di contributi, nato nel 1962 quali possibilità ci sono per uscire prima dal lavoro, secondo le ultime novità.

di , pubblicato il
pensione

Pensione anticipata e riscatto laurea agevolato, analizziamo il quesito di un nostro lettore:

Sono rimasto molto colpito dalla professionalità delle sue risposte, pertanto le chiedo un consiglio; sono nato a dicembre del 1962, ho 34 anni di contributi e posso riscattarne altri 2  per studi universitari, le chiedo con quale modalità e quando potrei andare in pensione, anche con qualche sacrificio economico, poiché per motivi di salute mi trovo a non poter continuare il lavoro per molti altri anni.

Grazie di cuore.

Non ci sono molte alternative vista l’età anagrafica, potrebbe accedere alla pensione Quota 100 che prevede la possibilità di anticipare la pensione con 62 anni e 38 anni di contributi. Il problema che è una misura sperimentale ed è valida per tre anni dal 2019 al 2021, quindi se non venisse prorogata lei comunque non rientrerebbe nella misura.

Una valida alternativa che permette l’anticipo pensionistico di 5 anni dall’età pensionistica è la Rendita anticipata temporanea anticipata – RITA, ma ha dei limiti ben precisi.

Il limite dei cinque anni della pensione RITA

Nei  requisiti per accedere alla Rendita Integrativa Temporanea Anticipata è vincolante appartenere a forme pensionistiche complementari almeno da 5 anni. Analizziamo nel dettaglio i requisiti specifici:

  • Il lavoratore deve cessare l’attività lavorativa;
  • E’ richiesta un’età anagrafica della pensione di vecchiaia entro 5 anni successivi alla cessazione dell’attività lavorativa
  • Requisito di minimo 20 anni di contributi di cui almeno 5 versati in fondo pensione

Per i lavoratori disoccupati da lunga durata

  • l lavoratore deve cessare l’attività lavorativa;
  • E’ richiesta un’età anagrafica della pensione di vecchiaia entro 10 anni successivi alla cessazione dell’attività lavorativa
  • Requisito di minimo 20 anni di contributi di cui almeno 5 versati in fondo pensione
  • Disoccupato da almeno 24 mesi

Non è richiesta l’attestazione dell’Inps per la sussistenza dei requisiti.

Riscatto laurea agevolato, la novità

Il nuovo riscatto laurea agevolato, inizialmente prevedeva il limite di almeno 45 anni di età, questo limite è stato cancellato da un emendamento inserito nel D.L. contenente la riforma pensione e il reddito di cittadinanza.

Possono accedere al riscatto della laurea agevolato, solo per i periodi da valutare con il sistema contributivo e che posseggono contributi prima del 1996.

Si potranno riscattare gli anni per: laurea, dottorato di ricerca privo di contribuzione, ecc. Tali periodi da riscattare si dovranno collocare nei periodi che prevedono la competenza del sistema contributivo.

Non si potranno riscattare i periodi anteriormente al 1996.

Costo del riscatto laurea agevolato

La norma prevede un costo riscatto agevolato moltiplicando l’aliquota IVS vigente del 33% per il reddito minimo della Gestione Inps artigiani e commercianti, che è paria a 15.710 euro nel 2019 con un costo di circa di euro 5.185,00 per un anno da riscattare.

L’Inps mette a disposizione la possibilità di simulare il riscatto laurea, per calcolare il costo effettivo.

Riscatto laurea, per i neolaureati diventa low cost

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,

I commenti sono chiusi.