Pensione di reversibilità anche ai fratelli: ecco quando, come e perché

A determinate condizioni anche un fratello può ereditare la pensione di reversibilità del defunto, ma i requisiti sono stringenti.  

di , pubblicato il
Pensioni di reversibilità a rischio tagli, ecco le categorie penalizzate

La pensione di reversibilità è quella misura che rappresenta un valido sostegno ai familiari di un defunto. Si tratta della pensione ai superstiti come comunemente viene chiamata forse per errore dal momento che anche la pensione indiretta è una prestazione per i superstiti. Infatti si parla di pensione di reversibilità quando il deceduto è un pensionato, mentre si parla di pensione indiretta quando il defunto è un lavoratore con determinati anni di contributi versati. I beneficiari in genere sono il coniuge del deceduto e in molti casi i figli, quando sono minorenni, studenti o disabili. A volte però la pensione ai superstiti si estende ad altri familiari, anche se non facilmente e soprattutto, al soddisfacimento di determinate condizionalità.  

“Buonasera, sono Luisa ed ho appena perduto mio fratello. Io ho 56 anni di età e mio fratello ne aveva 66 quando è morto. Abbiamo sempre vissuto insieme nella casa paterna che abbiamo ereditato alla morte dei nostri genitori.

Io non ho mai lavorato e sono stata sempre a carico di mio fratello, che era celibe come io sono nubile. Volevo chiedervi che possibilità ho di ottenere la pensione di reversibilità di mio fratello che percepiva una pensione di 1.300 euro al mese. Mi hanno detto che spetterebbe anche a me. “ 

La pensione di reversibilità ai fratelli e alle sorelle, come funziona? 

La nostra lettrice ha perfettamente ragione nel sostenere di essere una potenziale beneficiaria della pensione di reversibilità. Naturalmente occorre rispettare determinate condizioni e devono verificarsi una serie di condizioni prestabilite. In primo luogo la pensione al fratello o alla sorella di un defunto prevede che quest’ultimo si trovi in una condizione assai particolare. Infatti non ci devono essere coniugi, figli o genitori, ancora in vita, per poter parlare di reversibilità al fratello o alla sorella.

 

Reversibilità a familiari diversi dal coniuge? A volte centra l’invalidità 

A prima vista, in base a ciò che ha scritto la lettrice, avendo perso i genitori ed essendo celibe il defunto, non ci dovrebbero essere altri soggetti a cui la reversibilità potrebbe toccare se non la sorella. Niente genitori (morti come la lettrice scrive), niente moglie e nemmeno figli, o almeno così sembra. Un’altra condizione utile a rendere una sorella beneficiaria della pensione ai superstiti del fratello è il carico fiscale. Ed anche in questo caso la nostra lettrice sembra ritrovarsi nella condizione utile. Ciò che non sappiamo è se la lettrice abbia una condizione di disabilità. Per poter ottenere la pensione di reversibilità infatti, occorre che la beneficiaria o il beneficiario sia anche totalmente inabile al lavoro. Quindi, serve essere invalidi al 100% e riconosciuti tali da una commissione medica per le invalidità civili delle ASL e poi, non godere di nessun trattamento pensionistico al momento della richiesta di reversibilità.  

Argomenti: , ,