Nuovo regime dei minimi: come calcolare il reddito e le spese per stare nei limiti

La Legge di Stabilità ha modificato il regime dei minimi imponendo nuovi calcoli per non superare i limiti ammessi

di , pubblicato il
La Legge di Stabilità ha modificato il regime dei minimi imponendo nuovi calcoli per non superare i limiti ammessi

La novità più grande in tema di regime dei minimi che emerge dalla Legge di Stabilità riguarda l’innalzamento dell’aliquota dell’imposta sostitutiva al 15% dal 2015 (per scenari diversi vedi anche: https://www.investireoggi.it/imprese/regime-dei-minimi-spunta-un-emendamento-per-mantenere-laliquota-al-5/).     Ma quest’ultima andrà applicata ad un reddito sottoposto ad un calcolo particolare e che può, in apparenza, sembrare complesso. Secondo il nuovo regime dei minimi il contribuente che gode di partita Iva agevolata non deve sostenere spese superiori ai 5 mila euro l’anno per lavoro accessorio, stipendi di eventuali dipendenti, collaboratori, associati, e al tempo stesso non può dichiarare importi superiori a 20 mila euro ogni anno per beni strumentali l’attività d’impresa o professionale. Ma qual è invece il limite massimo del tetto salariale? In altre parole: fino a quale reddito lordo annuo è possibile aprire la partita Iva agevolata? La risposta non è univoca: dipende infatti dalla categoria professionale di appartenenza del titolare.

Beni strumentali, calcolo nel regime dei minimi

L’articolo 9 comma 1 lettera c) fa rientrare espressamente nei beni strumentali da considerare ai fini del raggiungimento della soglia anche quelli in locazione finanziaria (sulla base del costo sostenuto dal concedente) e i beni in locazione, noleggio e comodato (rileva il valore normale). Beni ibridi o detenuti in regime di impresa, arte o professione per uso personale o familiare vanno calcolati al 50%.

Partita Iva agevolata a redditi massimi consentiti: i coefficienti per categoria

In base alla nuova normativa sui minimi, a ciascuna categoria professionale viene attribuito uno specifico tetto massimo di fatturato.

A questa soglia va applicato un coefficiente. Nello specifico:

  • Professionisti: ricavi 15mila euro, coefficiente 78%
  • Artigiani e imprese (non alimentari): ricavi 20mila euro, coefficiente 67%
  • Commercianti (ingrosso e dettaglio): ricavi 40mila euro, coefficiente 40%
  • Ambulanti di alimentari e bevande: ricavi 30mila euro, coefficiente 40%.
  • Ambulante di altri prodotti: ricavi 20mila euro, coefficiente 54%

<ul

Argomenti: