Nuove detrazioni IRPEF, come cambia la busta paga da aprile 2022

Le nuove detrazioni IRPEF hanno assorbito il trattamento integrativo (bonus 100 euro) che resta integro solo per redditi fino a 15.000 euro

di , pubblicato il
Nuove detrazioni IRPEF, come cambia la busta paga da aprile 2022

Dal 1° gennaio 2022, il legislatore (legge di bilancio 2022) ha rimodulato le detrazioni per redditi dal lavoro dipendente e assimilati. Stessa cosa dicasi per i redditi di pensione e quelli di lavoro autonomo.

I datori di lavoro, dunque, hanno dovuto recepire le novità in busta paga (se dipendente) e nel cedolino pensione (se pensionati). A questo proposito, l’Agenzia delle Entrate, nella Circolare n. 4 del 2022, ha teso la mano, concedendo tempo fino ad aprile.

In dettaglio, nel menzionato documento di prassi è detto che laddove i sostituti d’imposta non siano riusciti ad applicare tempestivamente le nuove regole, tenuto conto del tempo necessario per adeguare i software, possono farlo entro il mese di aprile, effettuando le operazioni di conguaglio per i primi tre mesi del 2022 (gennaio, febbraio e marzo).

Le nuove detrazioni redditi lavoro dipendente e assimilati

Le nuove detrazioni per redditi da lavoro dipendente e assimilati in vigore dall’anno d’imposta 2022 sono le seguenti:

  • reddito fino a 15.000 euro
    • detrazione pari a 1.880 euro
  • oltre 15.000 euro e fino a 28.000 euro
    • detrazione pari a 1.910 + 1.190 x [(28.000 – reddito complessivo) / 13.000]
  • oltre 28.000 euro e fino a 50.000 euro
    • detrazione pari a 1.910 x [(50.000 – reddito complessivo) / 22.000]

Si tenga presente che laddove il reddito complessivo supera 25.000 euro ma non 35.000 euro, la detrazione è aumentata di 65 euro.

Ricordiamo che, le menzionate nuove detrazioni hanno assorbito l’ulteriore specifica detrazione di 960 euro annui per i redditi fino a 40.000 euro e il trattamento integrativo (c.d. bonus 100 euro). Quest’ultimo resta esclusivamente per i contribuenti con reddito complessivo non eccedente i 15.000 euro ovvero, a certe condizioni, anche fino a 28.000 euro.

Per i redditi pensione

Per i redditi di pensione aumenta la soglia della c.d. no tax area.

Si tratta della soglia minima di reddito non soggetta a tassazione. Dal 2022 passa da 8.000 euro a 8.500 euro. Questo in virtù dell’innalzamento della relativa detrazione (che passa da 1.880 euro a 1.955 euro).

Di seguito i nuovi importi per redditi da pensione in vigore dal 2022:

  • reddito fino a 8.500 euro
    • detrazione pari a 1.955 euro
  • oltre 8.500 euro e fino a 28.000 euro
    • detrazione pari a 700 + 1.255 x [(28.000 – reddito complessivo) / 19.500]
  • oltre 28.000 euro e fino a 50.000 euro
    • detrazione pari a 700 x [(50.000 – reddito complessivo) / 22.000]

Nel caso in cui il reddito complessivo del pensionato è compreso tra 25.000 euro e 29.000 euro, la detrazione è aumentata di 50 euro.

Potrebbe anche interessarti:

Argomenti: , ,