Le pensioni 2022 aumentano con rivalutazione e taglio Irpef, ma c’è una trappola

Per le pensioni nel 2022 ci sono buone notizie in quanto queste aumenteranno grazie non solo alla rivalutazione. Ma anche in ragione dell'atteso taglio dell'Irpef. Però non è tutto oro quel che luccica. Vediamo perché punto per punto.

di , pubblicato il
In pensione prima? Ma senza regali Inps: ecco quanto si perde

Per le pensioni nel 2022 ci sono buone notizie in quanto queste aumenteranno grazie non solo alla rivalutazione. Ma anche in ragione dell’atteso taglio dell’Irpef. Si tratta, nello specifico, di maggiorazioni sugli assegni INPS che, per quel che riguarda la rivalutazione, saranno applicate al tasso lordo base provvisorio dell’1,7%. E su tre fasce di importo così come è riportato in questo articolo.

Inoltre, le pensioni nel 2022 aumentano anche con il taglio Irpef. E questo, in particolare, in forza ad un tesoretto da complessivi 8 miliardi di euro. Si tratta di risorse che il Governo italiano guidato dal presidente del Consiglio Mario Draghi ha stanziato per alleggerire il carico fiscale a favore delle imprese, dei lavoratori ed anche dei pensionati. E nel farlo gli scaglioni Irpef saranno ridotti da 5 a 4.

Le pensioni nel 2022 aumentano con la rivalutazione e con il taglio Irpef. Ma c’è una trappola, ecco quale

Pur tuttavia, le pensioni nel 2022 aumentano con la rivalutazione e con il taglio Irpef, ma c’è una trappola. Ovverosia, quella relativa all’inflazione nel 2022 che potrebbe essere galoppante. A causa, principalmente, dell’aumento dei prezzi di luce e gas. Rincari che, inesorabilmente, si andranno a scaricare pure sui prezzi al consumo.

Quindi, le pensioni nel 2022 aumentano ma questi incrementi potrebbero essere letteralmente divorati dal carovita. E di conseguenza, in termini di potere d’acquisto, la rivalutazione ed il taglio Irpef sarebbero fagocitati dall’aumento dei prezzi.

La trappola dell’inflazione per il prossimo anno colpirà anche i lavoratori

Inoltre, le pensioni nel 2022 aumentano e lo stesso dicasi per le buste paga. Grazie proprio al sopra citato taglio dell’Irpef che, mediamente, andrà ad avvantaggiare maggiormente il cosiddetto ceto medio.

Ma, oltre che sui pensionati, l’inflazione rischia di picchiare duro pure sugli stipendi dei lavoratori. Non a caso, in vista dell’approvazione della manovra finanziaria, i partiti che sostengono la maggioranza di Governo sono proprio in questo momento in pressing. Nel chiedere di incrementare il budget che è destinato a calmierare i rincari sulle bollette di luce e gas.

Argomenti: , , , , , , , , , , , , , , , ,