Invalidità e diabete mellito insulino dipendente (legge 104/1992)

Invalidità e diabete mellito, è possibile chiedere la legge 104 e ottenere tutte le agevolazioni? | La Redazione risponde.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Invalidità e diabete mellito, è possibile chiedere la legge 104 e ottenere tutte le agevolazioni? | La Redazione risponde.

Invalidità e diabete mellito insulino dipendente, il quesito di un nostro lettore:

Ho un nipote di 10 anni affetto da diabete mellito scompensato da 8 anni insulino dipendente ha diritto alla legge 104 ? Molte grazie cordiali saluti Lella.

La Legge 104/1992  riconosce particolari benefici anche alle persone con diabete. Va chiarito che non esiste una pensione specifica per il diabete. Esiste la pensione di invalidità civile, disciplinata dalla Legge 104/1992 che riconosce il diritto all’assegno a chiunque abbia un certo tipo di invalidità, con una percentuale che varia in base alla gravità.

Il diabete, rientra nelle malattie invalidanti e nei relativi benefici previsti dalla legge.

Diabete e invalidità, quando è possibile?

I diabetici hanno diritto ai benefici della Legge 104/1992 se lo stato di invalidità è superiore al 41%. Questo viene concesso, dietro regolare richiesta e dopo accertamento dell’effettivo stato di invalidità, e a completa discrezione della Commissione Medica esaminante.

La percentuale di invalidità per le persone con diabete è stabilita in base al grado di gravità della patologia e alla presenza di complicanze, come riportato nella tabella.

tabella diabeteLa tabella è stata realizzata dal sito angolodiabetico.it

Come fare domanda di invalidità per diabete

La prassi è la stessa per qualsiasi patologia invalidante. Bisogna rivolgersi al proprio medico curante e farsi rilasciare il certificato che attesta il diabete, lo stesso medico curante invierà il certificato in forma telematica all’Inps.

Una volta che l’INPS ha acquisito tale certificato si può procedere con l’invio telematico della domanda per l’invalidità, comprensiva dello stesso certificato e delle informazioni richieste. L’invio può essere fatto direttamente dall’interessato, dal suo rappresentante legale o da CAAF e patronati.

L’INPS convocherà il richiedente per una visita medica, una speciale commissione medico-legale, accerterà lo stato invalidante e redigerà il verbale. L’esito se non si ritiene idoneo può essere contestato.

Consigliamo di rivolgersi al proprio medico di fiducia per capire se il caso di suo nipote sia invalidante ed effettuare la richiesta per la legge 104/92.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: News diritto, Assegno invalidità, Legge 104

I commenti sono chiusi.