Indennità di disoccupazione europea: un sussidio per tutti

Redatta la proposta italiana per l’ Indennità di disoccupazione europea, un fondo europeo  da cui  erogare i sussidi a favore dei disoccupati. Chi si troverà in condizioni economiche svantaggiate percepirà un assegno di disoccupazione.

di , pubblicato il
Redatta la proposta italiana per l’ Indennità di disoccupazione europea, un fondo europeo  da cui  erogare i sussidi a favore dei disoccupati. Chi si troverà in condizioni economiche svantaggiate percepirà un assegno di disoccupazione.

Indennità di disoccupazione europea, il Governo italiano ha formulato la proposta con l’ipotesi di istituire un fondo europeo per l’erogazione di un sussidio di disoccupazione (European Unemployment Benefit Scheme, EUBS) che trasferirebbe ai Paesi beneficiari le risorse da utilizzare esclusivamente per conferire ai disoccupati l’assegno di disoccupazione.

Come funziona l’indennità di disoccupazione europea?

Il fondo trasferirebbe ai Paesi beneficiari risorse da utilizzare esclusivamente a favore dei disoccupati. Per i percettori, l’Indennità di disoccupazione europea potrebbe anche rappresentare una copertura del salario in precedenza percepito. In questo caso le amministrazioni nazionali responsabili dell’erogazione dei sussidi di indennità di disoccupazione, sarebbero tenute ad evidenziare sui singoli assegni la quota erogata dal fondo. Questo consentirebbe ai cittadini, con maggiori difficoltà economiche, di percepire una concreta azione europea di contrasto alla disoccupazione. Per i cittadini l’assegno di disoccupazione europeo, sarebbe un forte segnale di vitalità ed integrazione da parte dell’Europa, necessario per rafforzare la fiducia nel progetto europeo.

Indennità di disoccupazione europea: qual è l’intento?

L’intento è dotare l’Eurozona di uno strumento che attenui l’impatto di choc particolarmente marcati che, in assenza del movimento del cambio, si scaricherebbero sull’occupazione e, di conseguenza, eviti che l’aumento della disoccupazione ciclica si trasformi in disoccupazione strutturale. L’EUBS inoltre rafforzerebbe la governance dell’unione monetaria e ne ridurrebbe l’incertezza delle prospettive, contenendo l’onere di stabilizzazione dell’area che oggi prevalentemente grava sulla politica monetaria. In questi mesi la proposta è stata oggetto di dibattito in diverse occasioni e verrà discussa durante il semestre di presidenza slovacca dell’Unione europea.

Indennità disoccupazione europa: nove chiarimenti

Il documento viene oggi riproposto, accompagnato da nove chiarimenti su come potrebbe essere strutturato il fondo e quale impatto potrebbe raggiungere: un fondo europeo per l’indennità di disoccupazione (EUBS): nove chiarimenti.

In Italia già esiste la NASpI, che consiste in una prestazione economica a domanda, erogata a favore dei lavoratori dipendenti che abbiano perduto involontariamente l’occupazione, per gli eventi di disoccupazione che si verificano dal 1° maggio 2015.

Argomenti: , , ,