INAIL: limiti minimi di retribuzione per calcolo premio 2016

La circolare dell'Inail n. 7/2016 reca la determinazione dei limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi 2016.

di , pubblicato il
La circolare dell'Inail n. 7/2016 reca la determinazione dei limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi 2016.

L’Inail con la circolare n. 7/2016 del 7 marzo 2016 ha pubblicato i i limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi relativi all’anno 2016, con riferimento sia ai premi ordinari che ai premi speciali unitari. Per i premi ordinari, il tasso del premio è indicato dalla tariffa dei premi con riferimento alla lavorazione assicurata e l’ammontare delle retribuzioni. La retribuzione imponibile su cui calcolare il premio si distingue in: effettiva, convenzionale e di ragguaglio.

Ecco quali sono le retribuzioni effettive, convenzionali e di ragguaglio

La Circolare Inail chiarisce i vari tipi di retribuzione imponibile su cui calcolare il premio inail:

Retribuzione effettiva

  • Minimale giornaliero per la generalità dei lavoratori;
  • minimale contrattuale;
  • minimale di retribuzione giornaliera.

Limiti minimi imponibili per le retribuzioni effettive

  • Minimale contributivo e minimale di rendita

Retribuzioni effettive escluse dall’adeguamento al minimale giornaliero

  • Operai agricoli;
  • trattamenti integrativi di prestazioni mutualistiche e previdenziali;
  • assegno o indennità di disponibilità corrisposta ai disoccupati avviati ai cantieri scuola e lavoro, rimboschimento e sistemazione montana;
  • indennità di disponibilità previste per il contratto di lavoro intermittente.

Retribuzioni convenzionali

  • Minimale giornaliero e retribuzioni convenzionali in genere;
  • limiti minimi di retribuzione giornaliera – Anno 2015;
  • retribuzioni convenzionali della pesca marittima;
  • lavoratori a domicilio.

Retribuzioni convenzionali stabilite con decreto ministeriale

  • Categorie di lavoratori con retribuzione convenzionale stabilita con decreto ministeriale a livello nazionale da variare a norma dell’art.116 T.U. n. 1124/1965;
  • altre categorie di lavoratori con retribuzioni convenzionali stabilite con decreto ministeriale a livello nazionale;
  • categorie di lavoratori con retribuzioni convenzionali giornaliere a livello provinciale.

Retribuzioni convenzionali stabilite con legge

  • Lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari;
  • lavoratori con contratto part-­time;
  • lavoro ripartito;
  • lavoratori dell’area dirigenziale.

Retribuzione di ragguaglio

Lavoratori parasubordinati

  • Prestazioni occasionali

Sportivi professionisti dipendenti

[tweet_box design=”box_09″ float=”none”]La circolare dell’Inail 7/2016 reca la determinazione dei limiti minimi di retribuzione per il calcolo dei premi 2016[/tweet_box]

Ecco quali sono i premi Inail unitari speciali

Per i premi Inail unitari speciali, la determinazione della base imponibile avviene in base ad elementi i diversi dalla retribuzione imponibile e dal tasso di tariffa:

  • il numero delle persone;
  • la natura e la durata della lavorazione;
  • il numero delle macchine, ecc.

Nei premi analizzati, calcolati in rapporto ad una retribuzione minima giornaliera, rientrano:

  • Titolari artigiani, soci artigiani, familiari coadiuvanti del titolare artigiano ed associati ad imprenditore artigiano;
  • Facchini, barrocciai, vetturini ed ippotrasportatori riuniti in cooperative ed organismi associativi di fatto;
  • Persone addette ai lavori di frangitura e spremitura delle olive soggette all’obbligo assicurativo;
  • Pescatori della piccola pesca marittima e delle acque interne (l. n. 250/1958);
  • Insegnanti delle scuole o istituti di istruzione di ogni ordine e grado, non statali, addetti a macchine elettriche e addetti ad esperienze tecnico­scientifiche od esercitazioni pratiche o di lavoro (T.U. n. 1124/1965, art. 4, n. 1 e 5);
  • Alunni e studenti delle scuole o istituti di istruzione di ogni ordine e grado, non statali, addetti ad esperienze tecnico­scientifiche od esercitazioni pratiche o di lavoro (T.U. n. 1124/1965, art. 4, n. 5);
  • Candidati all’emigrazione sottoposti a prova d’arte prima dell’espatrio (T.U. n. 1124/1965, art. 4, n. 5);
  • Medici radiologi, tecnici sanitari di radiologia medica e allievi dei corsi;
  • Soggetti coinvolti in attività di volontariato a fini di utilità sociale;
  • Allievi dei corsi ordinamentali di istruzione e formazione professionale regionali curati dalle istituzioni formative e dagli istituti scolastici paritari (Allievi IeFP).

Profili risarcitori

Per i premi Inail per i profili risarcitori, la circolare Inail precisa che: l’indennità per inabilità temporanea assoluta a favore delle categorie per cui è intervenuta la variazione salariale dovrà essere adeguata alle nuove misure verificatesi dal 1° luglio 2015, nonché in quelle per le quali, alla stessa data, risulti in corso tale trattamento economico.

Ai fini della liquidazione delle rendite per inabilità permanente ed ai superstiti, relative ad eventi verificatisi dal 1° luglio 2015, il minimale ed il massimale di rendita , per effetto della rivalutazione intervenuta dallo stesso anno, corrispondono ai seguenti importi:

  • Minimale di rendita annuale € 16.195,20
  • Minimale di rendita giornaliero € 53,98
  • Massimale di rendita annuale € 30.076,80
  • Massimale di rendita giornaliero € 100,26
Argomenti: , , , , ,