Fino a quando l’Inps potrà pagare le pensioni: cosa faresti se fossero gli ultimi 10 anni di tempo per smettere di lavorare?

Chi inizia a lavorare in questi anni avrà diritto alla pensione quando smetterà di lavorare?

di , pubblicato il
Chi inizia a lavorare in questi anni avrà diritto alla pensione quando smetterà di lavorare?

Le nuove generazioni lo dicono da tempo, con un po’ di amara ironia ma anche di preoccupazione: “tanto chi la vedrà la pensione”? Dietro a questa domanda si cela una questione seria: fino a quando l’Inps potrà pagare le pensioni? Fino a quando il sistema starà in piedi e le casse previdenziali riusciranno a pagare gli assegni evitando il collasso? Le previsioni non sono delle più ottimistiche anche se, accanto a questo timore, c’è anche un po’ di superficialità visto che sono ancora pochi i giovani che pensano concretamente alla pensione integrativa. I dubbi riguardano soprattutto autonomi e titolari di partita IVA. Ma è un timore concreto?

Chi ha iniziato a lavorare negli ultimi anni o addirittura mesi potrà contare su una pensione futura?

Avrò diritto alla pensione quando smetterò di lavorare?

Partiamo dai numeri. La pandemia Covid ha sicuramente pesato sulle casse Inps, costretto ad esborsi tra bonus e aiuti. Quando pagheremo per queste misure? Dall’inizio della crisi il debito è aumentato di 100 miliardi: il rapporto deficit/PIL ha superato il 10%. Peraltro va considerato anche che il nostro debito pubblico ha come acquirente esclusivo la BCE, per il tramite di Banca d’Italia. Questo può determinare un rialzo dello spread.

 

Lo scenario appare inevitabilmente precario. In tutto questo l’Italia dovrà intervenire con una riforma pensioni non appena terminerà la sperimentazione quota 100.

 

Perché abbiamo fatto questa panoramica? Non per creare allarmismo o scoraggiare le generazioni che si affacciano ora al mondo del lavoro ma per considerare la convenienza di pensare per tempo a forme di previdenza complementare.

Il Nostradamus delle pensioni ha previsto il collasso dei pagamenti tra dieci anni

Alcuni studi del 2016 hanno individuato una data chiave: il 2030.

Non è casuale: in quell’anno andranno in pensione i nati nel 1964-65, i figli del miracolo economico che ha portato ad un boom di nascite. Nel 2030 questo significherà un boom di assegni pensionistici da pagare. Oltre un milione di persone che, nel 2030, compiranno 66-67 anni e raggiungeranno il requisito anagrafico per smettere di lavorare. Il ritmo della crescita economica non sembra stare al passo. Il picco è previsto per il 2035. Se le casse reggeranno all’impatto la situazione dovrebbe poi gradualmente stabilizzarsi entro il 2060.

Leggi anche:

Quando andrò in pensione? Scoprilo in base all’anno di inizio del lavoro

Argomenti: ,