Fatturazione elettronica, registrazione indirizzo telematico, ecco come fare

Fatturazione elettronica e registrazione indirizzo telematico, le istruzioni per aderire al sistema, in modo pratico e veloce.

di Angelina Tortora, pubblicato il
fatturazione-elettronica

L’Agenzia delle Entrate, in riferimento alla fatturazione elettronica, ha comunicato come accedere alla funzionalità di Registrazione dell’indirizzo telematico dove ricevere tutte le fatture elettroniche. Vi proponiamo le specifiche dell’Agenzia delle Entrate.

Fatture elettroniche e sistema Interscambio

Le fatture elettroniche devono essere trasmesse e ricevute obbligatoriamente attraverso il Sistema di Interscambio (SdI), una sorta di “postino” che, quindi, riceverà le fatture dal fornitore (o chi per lui le trasmette) e, dopo un controllo formale delle stesse, le consegnerà al cliente (o chi per lui le riceve).

Come qualsiasi “postino”, anche il SdI deve sapere l’indirizzo dove recapitare la fattura; per questo è necessario che, nel compilare i Dati del Cliente, venga inserito in fattura elettronica l’indirizzo telematico che il cliente ha comunicato al fornitore.

Indirizzo telematico

Tale indirizzo telematico può essere alternativamente:

  • un indirizzo PEC, in tal caso il fornitore, nel compilare la fattura, dovrà inserire nel campo “Codice Destinatario” il valore “0000000” (sette volte zero) e nel campo “PEC Destinatario” l’indirizzo PEC comunicato dal cliente;
  • un codice alfanumerico di 7 cifre, in tal caso occorrerà compilare solo il campo della fattura “Codice Destinatario” con il codice comunicato dal cliente;
    il codice numerico “0000000” (sette volte zero) qualora il cliente non abbia comunicato alcun indirizzo telematico (PEC o Codice Destinatario): in tal caso il fornitore dovrà ricordare al cliente che la fattura elettronica è recuperabile nella sua area riservata “Consultazione” del portale “Fatture e Corrispettivi”.

Consegna fattura elettronica

Per agevolare e rendere più sicuro il processo di consegna della fattura elettronica, l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile un servizio di pre-registrazione, con il quale le imprese e i professionisti possono comunicare “a monte” al postino SdI l’indirizzo telematico su cui ricevere di default tutte le loro fatture elettroniche, indipendentemente dall’indirizzo che il fornitore avrà compilato nella fattura.
Per usare questo servizio e abbinare quindi alla propria Partita IVA un indirizzo telematico (PEC o “Codice Destinatario”) dove ricevere sempre tutte le proprie fatture elettroniche, basta accedere all’interno del Portale “Fatture e Corrispettivi” alla sezione Fatturazione elettronica > Registrazione dell’indirizzo telematico dove ricevere tutte le fatture elettroniche.
Una volta impostato l’indirizzo telematico, in qualsiasi momento, l’operatore potrà modificarlo o cancellarlo.

In definitiva, una volta che l’opertaore avrà abbinato, mediante tale servizio, alla propria partita IVA un indirizzo telematico, il postino SdI consegnerà tutte le fatture destinate a tale operatore a quell’indirizzo preregistrato.

Codice QR Code

I dati registrati saranno presenti, insieme alle altre informazioni anagrafiche dell’operatore, all’interno del QR code. Per generare questo codice consultare la pagina informativa “Generazione QR Code”.

Note operative

Se non si è effettuata l’operazione di registrazione dell’indirizzo telematico con l’apposito servizio il SdI (Sistema di Interscambio) consegnerà la fattura elettronica all’indirizzo telematico presente nella fattura stessa. Pertanto, la fattura elettronica verrà recapitata alla casella PEC (Posta Elettronica Certificata) ovvero al “Codice Destinatario (canale telematico FTP o Web Service)” che il cliente avrà comunicato al suo fornitore e che quest’ultimo avrà correttamente riportato nella fattura.

Operatore IVA

L’operatore IVA può decidere di ricevere la fattura ad un indirizzo PEC direttamente a lui intestato o su un canale telematico (FTP o Web Service) direttamente da lui gestito oppure può farla ricevere, per suo conto, da un soggetto terzo, solitamente un intermediario o un provider che offre servizi specifici proprio di trasmissione e ricezione delle fatture elettroniche.
Il Sistema di Interscambio consegna le fatture elettroniche all’indirizzo PEC o sul canale telematico (FTP o Web Service) che legge dalla fattura, indipendentemente se questi sono direttamente riconducibili al cliente o meno.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: News Fisco, Fattura elettronica