Esenzione Imu: dopo l’Abruzzo anche la Puglia e il Molise?

In un question time del 28 giugno scorso, si è chiesto al Governo di estendere l'esenzione Imu sugli immobili resi inagibili dal terremoto dell'Abruzzo, anche a quelli colpiti dal sisma del 2002 in Puglia e Molise.

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
In un question time del 28 giugno scorso, si è chiesto al Governo di estendere l'esenzione Imu sugli immobili resi inagibili dal terremoto dell'Abruzzo, anche a quelli colpiti dal sisma del 2002 in Puglia e Molise.

Sarà possibile estendere l’esenzione Imu sugli immobili inagibili in Abruzzo, anche per quelli  del Molise e della Puglia, colpiti dal  terremoto del 2002? Il Governo valuterà.

 

Con un’interrogazione parlamentare alla Camera dei deputati, Commissione Finanze, del 28 giugno scorso, si è chiesto al Governo un intervento normativo affinchè venga esteso il beneficio previsto per le zone dell’Abruzzo colpite dal terremoto del 6 aprile 2009, anche per le zone del Molise e della Puglia colpite da quello verificatosi nel 2002.

 

 

Imu: esenzione immobili inagibili

 In merito risponde il Governo precisando che ai fini dell’applicazione dell’Imu, gli immobili dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati, possono beneficiare dell’agevolazione prevista dal decreto salva Italia, per cui si prevede la base imponibile Imu ridotta del 50%  per tali fabbricati. Una riduzione che è limitata al periodo dell’anno durante il quale sussistono dette condizioni di inagibilità, inabitabilità ed inutilizzabilità.

 

Inagibilità immobili

L’inagibilità degli immobili o l’inabitabilità deve essere accertata dall’ufficio tecnico comunale con perizia a carico del proprietario, che allega idonea documentazione alla dichiarazione. In alternativa a tale previsione, il contribuente può anche presentare una dichiarazione sostitutiva.

 

 

Imu: aliquota agevolata

Ricorda il Governo nella sua risposta al question time del 28 giugno scorso anche che ogni comune può applicare un’aliquota agevolata agli immobili in questione in considerazione del fatto che, ai sensi del comma 6 dell’articolo 13 del decreto salva Italia, gli enti locali possono modificare sia in aumento, sia in diminuzione le aliquote ordinarie Imu, sino a 0,3 punti percentuali.

 

Esenzione Imu: estensione possibile?

 Detto ciò, conclude il Governo precisando che la possibilità di estendere l’esenzione dall’Imu per i fabbricati colpiti e distrutti dal Terremoto dell’Abruzzo a quelli del Molise e della Puglia, anch’essi colpiti dal terremoto del 2002, verrà valutata attentamente. Nonostante ciò il Governo sembra mettere le mani avanti quando dice che l’estensione di tale esenzione Imu comporterebbe maggiori oneri a carico della finanza pubblica. Il Governo distingue tra terremoti di seria A e terremoti di serie B? E in base a quali parametri?

 

Segui la discussione sul nostro forum:

Esenzione Imu immobili Abruzzo. E per quelli della Puglia e Molise?

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse e Tributi