Disdire il canone Rai, ecco come fare

In vista della scadenza del 31 gennaio 2013, è bene ricordare quando e come si puuò disdire il canone Rai, la tassa più odiata dagli italiani

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
In vista della scadenza del 31 gennaio 2013, è bene ricordare quando e come si puuò disdire il canone Rai, la tassa più odiata dagli italiani

Come procedere alla disdetta del canone Rai. Tutto sulle cause e sulla lettera o modulo, anche in caso di morte dell’abbonato.

Si avvicina la scadenza del 31 gennaio per pagare l’abbonamento alla Tv, come ci ricorda ogni momento la Rai, ma è opportuno ricordare anche quando si può  procedere alla disdetta dell’abbonamento Tv.

Le cause di disdetta canone Rai

La disdetta deve essere effettuata in casi precisi ossia:

  • Cessione di tutti gli apparecchi TV ad altre persone (non importa se a titolo oneroso o gratuito)
  • Furto o incendio di tutti i televisori di casa
  • Rottamazione di tutti gli apparecchi TV di casa
  • Richiesta di suggellamento

Suggellamento canone Rai: cosa significa

Va precisato come sia la richiesta di suggellamento. In sostanza se l’abbonato vuole disdire il canone Rai, senza cedere ad altri il suo apparecchio, deve presentare disdetta, entro il 31 dicembre, chiedendo il suggellamento degli apparecchi stessi. (art. 10 R.D.L. 21.2.1938 n. 246). La disdetta con richiesta di suggellamento degli apparecchi, se presentata entro il 31 dicembre, dispensa dal pagamento del canone dal primo gennaio dell’anno successivo. Il suggellamento consiste nel rendere inutilizzabili, chiudendoli in appositi involucri, tutti gli apparecchi detenuti dal titolare dell’abbonamento e dagli appartenenti al suo nucleo familiare presso qualsiasi luogo di loro residenza o dimora.

Disdetta canone Rai per decesso abbonato

Si può disdire l’abbonamento alla TV  anche per decesso dell’abbonato. Di seguito potete trovare l’apposito modulo:

 – Modulo disdetta rai per decesso

Come disdire il canone Rai?

Al verificarsi di una delle situazioni cui sopra, l’abbonato deve procedere a comunicare la disdetta del canone Rai, tramite raccomandata da inviarsi ad : “Agenzia delle Entrate – Direzione Provinciale I di Torino – Ufficio territoriale di Torino 1 Sportello S.A.T. Casella postale 22 – 10121 Torino (To)”, la lettera disdetta canone Rai. ( Si veda il nostro articolo Disdetta canone Rai: come procedere).

Dopo l’invio della raccomandata, lo Sportello S.A.T. invierà all’abbonato un modulo di dichiarazione integrativa della disdetta canone Rai che dovrà essere debitamente compilato, anche con l’indicazione del tipo/i di apparecchio/i detenuti, firmato dal cedente e dal cessionario e restituito per la definizione completa della richiesta di annullamento.

Hai già pagato? Niente rimborso

La particolarità che si legge sul sito della Rai è che se l’abbonato che, essendone legittimato, intenda procedere alla disdetta del canone Rai e “abbia già corrisposto l’intera annualità non è  previsto per legge a chiedere il rimborso”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Canone Rai

I commenti sono chiusi.