Detrazioni fiscali, a chi inviare la documentazione?|La Redazione risponde

Detrazioni fiscali, dove inviare la documentazione? Viene esaminato il caso delle spese sostenute per lavori di ristrutturazione edilizia.

di Angelina Tortora, pubblicato il
Detrazioni fiscali, dove inviare la documentazione? Viene esaminato il caso delle spese sostenute per lavori di ristrutturazione edilizia.

Buonasera, Mi chiamo Enrico e avrei una domanda da farle. Dove bisogna presentare la domanda per le detrazioni fiscali, fermo restando che i lavori li ho già eseguiti compreso il pagamento tramite bonifico? Grazie

Detrazioni fiscali, nella domanda posta non viene specificato il tipo di lavoro eseguito. Esaminiamo il caso di ritrutturazione edilizia. È possibile detrarre dall’Irpef una parte degli oneri sostenuti per ristrutturare le abitazioni e le parti comuni degli edifici residenziali.
In particolare, i contribuenti possono usufruire delle seguenti detrazioni:

  • 50% delle spese sostenute (bonifici effettuati) dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2017, con un limite massimo di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare;
  • 36%, con il limite massimo di 48.000 euro per unità immobiliare, delle somme che saranno spese dal 1° gennaio 2018.
    L’agevolazione può essere richiesta per le spese sostenute nell’anno, secondo il criterio di cassa, e va suddivisa fra tutti i soggetti che hanno sostenuto la spesa e che hanno diritto alla detrazione.

Ecobonus e bonus ristrutturazione per altri 5 anni, per i condomini sale al 75% e per il sisma fino all’85%

Cosa deve fare chi ristruttura per fruire della detrazione

Gli adempimenti previsti per richiedere la detrazione sulle spese di ristrutturazione sono stati, negli ultimi anni, semplificati e ridotti.  E’ stato soppresso l’obbligo dell’invio della comunicazione di inizio lavori al Centro operativo di Pescara dell’Agenzia delle Entrate e quello di indicare il costo della manodopera, in maniera distinta, nella fattura emessa dall’impresa che esegue i lavori.
È sufficiente indicare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali identificativi dell’immobile e, se i lavori sono effettuati dal detentore, gli estremi di registrazione dell’atto che ne costituisce titolo e gli altri dati richiesti per il controllo della detrazione.

La documentazione che il contribuente deve conservare ed esibire su richiesta degli uffici dell’Agenzia delle Entrate, oltre a: comunicazione all’Asl, fatture e ricevute comprovanti le spese sostenute, ricevute dei bonifici di pagamento, deve essere in possesso di:

  • domanda di accatastamento (se l’immobile non è ancora censito);
  • ricevute di pagamento dell’imposta comunale (Ici-Imu), se dovuta;
  • delibera assembleare di approvazione dell’esecuzione dei lavori (per gli interventi su parti comuni di edifici residenziali) e tabella millesimale di ripartizione delle spese;
  • dichiarazione di consenso del possessore dell’immobile all’esecuzione dei lavori, per gli interventi effettuati dal detentore dell’immobile, se diverso dai familiari conviventi;
  • abilitazioni amministrative richieste dalla vigente legislazione edilizia in relazione alla tipologia di lavori da realizzare (concessioni, autorizzazioni, eccetera) o, se la normativa non prevede alcun titolo abilitativo, dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà in cui indicare la data di inizio dei lavori e attestare che gli interventi realizzati rientrano tra quelli agevolabili.

Se la domanda richiesta, riguarda le detrazioni fiscali per ristrutturazione edilizia, non va inviata nessuna documentazione, ma conservata ed esibita a richiesta dall’Agenzia delle Entrate.

Fonte: Agenzia delle Entrate

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bonus e detrazioni, Detrazione 50

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.