Contributo Aspi, si paga anche per il periodo di prova

A chiarirlo l'Inps con il messaggio n. 10358/2013 con cui detta istruzioni in merito al contributo Aspi, la tassa sul licenziamento introdotta dalla riforma lavoro Fornero

di , pubblicato il
A chiarirlo l'Inps con il messaggio n. 10358/2013 con cui detta istruzioni in merito al contributo Aspi, la tassa sul licenziamento introdotta dalla riforma lavoro Fornero

Contributo Aspi, la tassa sul licenziamento, oggetto di chiarimenti da parte dell’Inps, con il messaggio n. 10358.

 Messaggio Inps n. 10358/2013

 Il documento Inps ha il merito di fornire chiarimenti in merito al contributo Aspi, la tassa sul licenziamento, il ticket dovuto sulle interruzioni di rapporti di lavoro a tempo indeterminato, intervenute dal 1° gennaio 2013, introdotto dall’articolo 2, commi da 31 a 35 della legge n. 92/2012, la legge di riforma del lavoro Fornero.

 Contributo Aspi: riforma lavoro Fornero

 La riforma del lavoro Fornero ha previsto infatti, all’articolo 2, comma 31 che “Nei casi di interruzione di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato per le causali che, indipendentemente dal requisito contributivo, darebbero diritto all’ASpI, intervenuti a decorrere dal 1° gennaio 2013, è dovuta, a carico del datore di lavoro, una somma pari al 41 per cento del massimale mensile di ASpI per ogni dodici mesi di anzianità aziendale negli ultimi tre anni. Nel computo dell’anzianità aziendale sono compresi i periodi di lavoro con contratto diverso da quello a tempo indeterminato, se il rapporto e’ proseguito senza soluzione di continuità o se comunque si è dato luogo alla restituzione di cui al comma 30».

 Contributo Aspi: quando va pagato

 Secondo l’Inps, i datori di lavoro sono tenuti all’assolvimento della contribuzione in tutti i casi in cui la cessazione del rapporto generi in capo al lavoratore il teorico diritto alla nuova indennità, a prescindere dall’effettiva percezione della stessa. Nel messaggio n. 10358/2013, l’Inps chiarisce anche che il contributo Aspi è dovuto anche in caso di recessione dal rapporto di lavoro da parte del datore, nel periodo di prova.

[fumettoforumright]

 Calcolo anzianità aziendale

 Nel documento di prassi, l’Inps detta istruzioni anche in relazione alle modalità di calcolo dell’anzianità aziendale e ai criteri da seguire.

In particolare si prevede che per i lavoratori intermittenti, i periodi non lavorati concorrono nel calcolo dell’anzianità aziendale. Inoltre si prevede che in merito ai lavoratori coinvolti in operazioni societarie ex articolo 2112 c.c., si fa presente che, in caso di interruzione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato, ai fini del versamento del contributo Aspi, deve essere considerata la durata complessiva del rapporto di lavoro, compreso il periodo svolto presso l’azienda cedente.

 Pagamento tassa licenziamento

 Da ultimo, il messaggio Inps precisa anche le modalità operative del pagamento del contributo Aspi. In particolare si conferma che l’obbligo di pagare la tassa sul licenziamento in questione deve essere assolto entro e non oltre il termine di pagamento della denuncia successiva a quella del mese in cui si verifica la risoluzione del rapporto di lavoro. Riguardo poi alle modalità di versamento, si precisa che, laddove la contribuzione sia assolta nel mese successivo a quello in cui si è verificata l’interruzione del rapporto, i datori di lavoro dovranno provvedere alla trasmissione di un flusso individuale, riferito al lavoratore cessato, analogamente a quanto avviene nel caso di liquidazione di arretrati, in cui andrà valorizzato nell’elemento <AltreADebito> il già previsto codice causale “M400” e  nell’elemento <ImportoADebito> l’importo dovuto. Il codice causale in questione deve essere utilizzato esclusivamente per il versamento del contributo relativo alle interruzioni di rapporti di lavoro a tempo indeterminato intervenute nel periodo di paga da “gennaio a marzo 2013”.

Argomenti: