Con il riscatto del servizio militare accetti questa condizione: non sempre conviene!

Massima attenzione con il riscatto del servizio militare. In quanto accetti questa condizione che non sempre conviene. Vediamo perché passo dopo passo. Punto per punto.

di , pubblicato il
Con il riscatto del servizio militare accetti questa condizione: non sempre conviene!

Massima attenzione con il riscatto del servizio militare. In quanto accetti questa condizione che non sempre poi conviene. Ovverosia, a fare la differenza può essere l’anno in corrispondenza del quale l’anno di servizio militare è stato svolto.

Con il riscatto del servizio militare, infatti, l’anzianità contributiva aumenta di un anno grazie al riconoscimento dei contributi figurativi. Ai fini INPS. Ma bisogna fare molta attenzione, proprio con il riscatto del servizio di leva, al sistema di calcolo della pensione nel quale si rientra.

Tra il retributivo, che è il più vantaggioso per il lavoratore. Con il riscatto del servizio militare. Ed il sistema di calcolo della pensione INPS con il metodo contributivo. Che è invece il meno vantaggioso per il lavoratore. In quanto il calcolo dell’assegno INPS è basato solo ed esclusivamente sull’ammontare dei contributi previdenziali obbligatori versati negli anni. Così come è riportato in questo articolo.

Con il riscatto del servizio militare accetti questa condizione, che non sempre conviene!

Con il riscatto del servizio militare, quindi, bisogna fare molta attenzione all’anno in corrispondenza del quale è stata prestata la leva. Ovverosia, prima o dopo il 1996 che è l’anno spartiacque. Ovverosia, quello relativo all’entrata in vigore, per le pensioni, della riforma Dini.

Con il riscatto del servizio militare svolto prima del 1996, infatti, si possono rischiare penalizzazioni in quanto con i contributi previdenziali figurativi si rientrerà poi nel sistema misto. E poi non si potrà più tornare indietro.

Non sempre conviene riscattare l’anno di leva, massima attenzione: le info su cosa fare

Nel prestare la massima attenzione al riscatto del servizio militare, quindi, è bene non solo farsi davvero quattro conti.

Ma anche, in base alla propria posizione previdenziale, avvalersi per esempio dell’assistenza e del supporto dei patronati. Oppure dei Centri di Assistenza Fiscale (CAF). Per verificare, nella fattispecie, se davvero l’anno in più di contributi sia utile per maturare prima i requisiti per la pensione. O se rischia, invece, di essere del tutto controproducente. In quanto, come sopra spiegato, con quel solo anno di contributi previdenziali si può passare da un sistema di calcolo della pensione ad un altro.

Argomenti: , , , , , , , , , , , , ,