Cartelle esattoriali, dal 2015 cancellazione automatica sotto i 300 euro

Passa alla Camera l'emendamento alla legge di stabilità sulla cancellazione automatica delle cartelle esattoriali sotto i 300 euro dal 2015

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Passa alla Camera l'emendamento alla legge di stabilità sulla cancellazione automatica delle cartelle esattoriali sotto i 300 euro dal 2015

Mini sanatoria delle cartelle esattoriali di Equitalia di importo pari o comunque inferiore a 300 euro. I debiti con il Fisco non riscossi entro 3 anni di importo inferiore ai 300 euro verranno cancellate automaticamente. Questa l’ultima novità introdotta dalla Camera, con un emendamento alla Legge di Stabilità 2015.

Cartelle Equitalia sotto i 300 euro: cancellazione automatica

L’emendamento alla legge di Stabilità approvato in silenzio alla Camera e in attesa di passare al Senato, impone ad Equitalia di cancellare il 70% delle cartelle esattoriali non saldate dai contribuenti dal 2000 in poi.  Ogni 3 anni, Equitalia comunica agli Enti creditori (Erario, INPS, Comuni ed enti territoriali)?i debiti che non è riuscito a riscuotere, quindi gli Enti dovranno procedere a cancellare l’entrata dal bilancio segnandola come “perdita”. A partire dal 1° gennaio 2015 gli Enti creditori saranno chiamati a verificare un innumerevole quantità di cartelle esattoriali non riscosse, facendo perdere tempo ad altre attività. Onde evitare ciò l’emendamento passato alla Camera prevede proprio al cancellazione automatica delle cartelle Equitalia non riscosse dal 2000, con importo non superiore a 300 euro. Si sottolinea che per l’importo non verrà considerata la somma delle cartelle ricevute, ma il singolo importo. Per esempio, se un contribuente ha ricevuto 10 cartelle da 299 euro ciascuna, potrà beneficiare della nuova mini sanatoria Equitalia.

Rate Equitalia semplificate: nessuna novità dal 2015

Niente da fare invece per la rateizzazione semplificata prevista inizialmente, sempre nel disegno di legge di stabilità 2015, per cui si prevedeva il pagamento a rate dei debiti fiscali, cartelle di pagamento e avvisi di accertamento, da presentare entro il 30 giugno 2015, in modo semplificato, senza allegare alcuna documentazione comprovante la situazione di temporanea obiettiva difficoltà, fino a un massimo di 120 rate mensili.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Cartella esattoriale