Canone Rai 2016 anche per i residenti all’estero

Il canone Rai 2016 è dovuto anche dai contribuenti residenti all'estero che possiedono un immobile in Italia.

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
Il canone Rai 2016 è dovuto anche dai contribuenti residenti all'estero che possiedono un immobile in Italia.

L’Agenzia delle Entrate precisa che il canone Rai 2016 è dovuto anche dai residenti all’estero che possiedono un immobile sul territorio italiano.   L’Agenzia lo annuncia in una delle ultime pubblicazioni in cui fornisce esempio sulla compilazione della dichiarazione sostitutiva che consente di richiedere l’esonero dal pagamento del canone Rai nella bolletta dell’energia elettrica dal prossimo mese di luglio.   L’Agenzia precisa, infatti, che la residenza in un Paese estero non esonera dal pagamento del canone Rai 2016 se nell’immobile posseduto in Italia ci sono apparecchi televisivi. In questo caso, infatti, pur risiedendo all’estero il contribuente è tenuto al pagamento dell’abbonamento televisivo poichè, possedendo un apparecchio Tv non può presentare la dichiarazione di mancato possesso.   Se il contribuente residente all’estero è anche titolare di una fornitura di energia elettrica l’addebito del Canone Rai 2016 avverrà, presumibilmente, direttamente a partire dalla bolletta di luglio, ma se il contratto dell’energia elettrica risulta non residenziale dovrà essere cura del contribuente mettersi in regola con il pagamento del canone Rai 2016 entro il 31 ottobre 2016 tramite il bollettino apposito o tramite F24. Esenzione canone Rai 2016 ed addebito in bolletta: bisogna pagare in caso di errori?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse e Tributi, Canone Rai 2016

I commenti sono chiusi.

SULLO STESSO TEMA