Bonus verde 2018 anticipato per interventi nel 2019: è possibile?

Il bonus verde 2018 permette di recuperare il 36% delle spese per giardini e terrazzi: ma può anche essere chiesto in anticipo? Facciamo chiarezza sulla natura del bonus.

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Il bonus verde 2018 permette di recuperare il 36% delle spese per giardini e terrazzi: ma può anche essere chiesto in anticipo? Facciamo chiarezza sulla natura del bonus.

Molti utenti ci chiedono se il bonus verde 2018 può essere richiesto come anticipo su interventi da fare nell’immediato futuro. Prendiamo ad esempio come spunto per chiarire questo aspetto la mail che ci è arrivata da Camilla:

Gentile Alessandra De Angelis, la contatto in merito all’iniziativa Bonus Verde 2018, per avere alcune delucidazioni. Vorrei sottoporre alla sua attenzione i quesiti seguenti:
– In cosa consiste la procedura per richiedere un finanziamento nell’ambito di Bonus Verde 2018? E a chi ci si deve rivolgere?

– A quali aree geografiche tale iniziativa fa riferimento? In altre parole, sarebbe possibile richiedere un finanziamento per lo sviluppo di un’area verde a Turbigo, in provincia di Milano?

– E’ possibile richiedere un finanziamento nel 2018 per un intervento che verrà attuato non prima del 2019?”.

Il Bonus Verde 2018 non è un incentivo ma una detrazione fiscale

Facciamo chiarezza sulla natura giuridico-fiscale del bonus verde per rispondere ai dubbi che accomunano molti utenti. Si tratta di una detrazione fiscale e non di un incentivo per finanziare lavori futuri. La risposta alla domanda circa la possibilità di richiedere le somme per finanziare interventi su giardini e terrazzi quindi non può che essere negativa. Il contribuente dovrà provare le spese sostenute per recuperare il 36% in sede di dichiarazione dei redditi. Ecco perché i pagamenti dovranno essere tracciabili (anche se su questo punto l’Agenzia delle Entrate ha dimostrato una maggiore flessibilità rispetto alla detrazione per interventi di ristrutturazione ammettendo anche assegni e non necessariamente bonifici parlanti). Attenzione però perché neppure per la richiesta del bonus verde sono ammessi pagamenti in contanti.
La corretta interpretazione ci porta a rispondere invece facilmente e positivamente al secondo quesito, ovvero quello relativo alla validità del bonus verde in tutti i Comuni d’Italia. Non si tratta di un incentivo locale e quindi la detrazione è aperta a tutti i contribuenti che rispettano i requisiti e per gli interventi di verde su giardini, terrazzi e balconi privati e condominiali.

Ringraziamo i lettori che ci scrivono dandoci la possibilità di approfondire aspetti specifici di questo bonus che, essendo una novità del 2018, ha suscitato grande interesse ma anche dubbi. Per qualsiasi richiesta su questo argomento non esitate a scrivere alla redazione di Investire Oggi: [email protected]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bonus e detrazioni, Bonus verde