Bonus ristrutturazione, si perde se l’erede affitta casa

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente dichiarato in risposta ad un interpello, che l'erede perde il diritto alla detrazione per i lavori di ristrutturazione se affitta l'immobile.

di , pubblicato il
L’Agenzia delle Entrate ha recentemente dichiarato in risposta ad un interpello, che l'erede perde il diritto alla detrazione per i lavori di ristrutturazione se affitta l'immobile.

Coloro che ereditano un’immobile si chiederanno come mantenere il diritto alla detrazione per i lavori di ristrutturazione. A questo proposito è importante conoscere, qual’è stata la risposta che l’Agenzia delle Entrate ha fornito all’interpello n. 282 del 19 Luglio scorso.

Il contribuente aveva chiesto di usufruire della detrazione Irpef sull’immobile ereditato, che desiderava dare in locazione per periodi brevi.


L’Agenzia delle Entrate ha espresso il suo parere in merito, facendo riferimento all’articolo 16 bis del D.P.R. 22 dicembre 1986, n.917, che prevede in caso di decesso, che la fruizione del beneficio fiscale vada per intero all’erede. Al riguardo, viene chiarito che il beneficio fiscale può essere concesso soltanto all’erede che “conservi la detenzione materiale e diretta del bene”.

Si può affittare un immobile ricevuto in eredità senza perdere le agevolazioni?

Ne consegue che in tutti quei casi in cui un’immobile pervenuto in eredità, che è già oggetto di un intervento agevolato, venga concesso in locazione anche se per un breve periodo, l’erede non avrà diritto di usufruire della quota di detrazione per l’anno di riferimento.

Riassumendo, se il bene è locato, l’erede proprietario non dispone realmente dell’immobile e non ha quindi diritto alla detrazione. Il contribuente non potrà usufruire dell’incentivo anche se l’affitto é soltanto per un periodo breve. Anche in questo caso, infatti, non vi è una disponibilità immediata e materiale dell’immobile, requisiti fondamentale per accedere alla detrazione per i lavori di ristrutturazione.
Coloro che desiderano mantenere il diritto a fruire delle quote di detrazione restanti per i lavori di ristrutturazione, non potranno quindi affittare l’immobile ereditato. Per questi contribuenti la scelta di affittare casa anche per periodi di breve durata si fa più complicata visto che comporterà la perdita dell’agevolazione.

Leggi anche:

Perché il bonus mobili non si eredita e quello ristrutturazioni si

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.