Bonus autostrade, con App Free to X: cos’è e quando utilizzarla

Nel nuovo bonus autostrade che potrebbe a breve prendere il via con una fase sperimentale, un ruolo fondamentale sarà quello dell’App Free to X

di , pubblicato il
Bonus autostrade, con App Free to X: cos’è e quando utilizzarla

Il nuovo bonus autostrade inizia a delinearsi meglio. Promosso da Autostrade S.p.A. si concretizza in un vero e proprio cashback per gli utenti.

La finalità è quella di risarcire gli utilizzatori della rete autostradale a fronte dei disagi subiti a causa dei ritardi nella percorrenza delle tratte provocati dalla presenza di cantieri. Per adesso la proposta è al vaglio del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti oltre che dell’Antitrust.

Inoltre è indispensabile che arrivi anche il parere del Garante Privacy visto che, come vedremo tra poco, sono diversi i dati sensibili dei beneficiari che andranno trattati.

Bonus autostrade, il ritardo deve essere significativo

Non tutti i cantieri che causeranno ritardi daranno, comunque, luogo al bonus autostrade ma solo quelli presenti su tratti di competenza di Autostrade S.p.A. e i cui lavori provocheranno un restringimento della carreggiata o una riduzione della corsia di viabilità.

Per avere il rimborso, il ritardo deve essere importante (ad esempio ci sarà bonus laddove il tempo di percorrenza di una tratta in genere è 1 ora mentre a causa del cantiere è provocato un ritardo di 45 minuti). Inoltre il rimborso sarà per l’intero costo della tratta e non proporzionato alla sola tratta interessata dalla presenza del cantiere (se ad esempio sul percorso Caserta – Roma è presente un cantiere tra San Vittore e Cassino, sarà rimborsato l’intero biglietto Caserta – Roma).

Per il calcolo dei ritardi si farà riferimento a Google Maps. Ciò implica che gli spostamenti degli utenti saranno tracciati (dato sensibile).

L’App Free to X

Il bonus autostrade partirà dapprima con una fase sperimentale e solo dal 2022 potrebbe entrare in vigore definitivamente e fino ad esaurimento di risorse (per ora circa 250 milioni di euro).

Per il possessori di Telepass il rimborso sarà automatico. Per coloro che, invece, pagano con carta o in contanti avrà una funzione fondamentale l’App “Free to X” di Autostrade S.p.A. scaricabile da Store Android e Ios.

L’app servirà a tali utenti per fotografare ed inviare la ricevuta della tratta pagata. Il rimborso si avrà, almeno in questa prima fase di sperimentazione (che dovrebbe concludersi a fine 2021) mediante accredito dell’importo sul conto corrente dopo aver inserito il proprio Iban nell’app stessa (altro dato sensibile).

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,