Bonus affitto o quota mutuo: chi non fa il bonifico perde il reddito di cittadinanza?

La quota mutuo o il bonus affitto che compongono il reddito di cittadinanza vanno spese necessariamente tramite bonifico? Facciamo chiarezza.

di , pubblicato il
La quota mutuo o il bonus affitto che compongono il reddito di cittadinanza vanno spese necessariamente tramite bonifico? Facciamo chiarezza.

Salve, percepisco il reddito dal mese di aprile e sono proprietaria al 50% della casa. Il mutuo è appoggiato sul conto del mio ex marito, unico ad avere busta paga. La metà che spetta a me pagare è di 288 euro. Le mie domande sono queste:come faccio a sapere se mi è stata riconosciuta la quota mutuo? A quanto ammonta? Avrò dei problemi, in caso questa quota mi sia stata riconosciuta, se nei mesi precedenti non ho pagato la mia metà di mutuo? 

Chiedo scusa per le molte domande ma nessuno mi sa rispondere.
Leggi anche:

Come verificare l’importo del reddito di cittadinanza e l’accredito della quota mutuo

Se il titolare del reddito di cittadinanza deve pagare la rata del mutuo a suo nome o il canone di affitto, qualora ne ricorrano i requisiti, il sussidio mensile viene integrato dalla cd quota B che può arrivare, rispettivamente, ad un massimo di 150 e 250 euro. Rispetto ai metodi di utilizzo della quota A base del sussidio, questa può essere spesa tramite bonifico SEPA. Non è invece ammesso l’addebito diretto (anche perché la carta del reddito di cittadinanza non dispone di IBAN). Il dubbio dei titolari del reddito di cittadinanza, come dell’utente che ci ha scritto e di cui abbiamo riportato la mail in apertura, è se tale bonifico per pagare la rata del mutuo sia obbligatorio oppure no.

La risposta è negativa: pagare il mutuo con la prepagata è una possibilità che viene riconosciuta ai titolari del reddito di cittadinanza, non un obbligo.

Nulla vieta che questi possano continuare a pagare il mutuo con le stesse modalità alle quali hanno fatto ricorso prima del riconoscimento del sussidio economico, ad esempio con accredito su conto corrente.

Idem per il canone di locazione. Possiamo rassicurare la persona che ci ha scritto e chi si trova nelle sue stesse condizioni.

Non è vero, in conclusione, che per chi non paga mutuo o affitto con la carta reddito di cittadinanza dal mese successivo è prevista la decurtazione della quota mutuo.

Visto che, nel caso di specie, si tratta di mutuo cointestato, la invitiamo anche a leggere:

Quota B reddito di cittadinanza a metà se il mutuo è cointestato

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Argomenti: , , ,