Abolizione IMU capannoni e beni immobili strumentali: aumento deducibilità primo segnale positivo?

Imu beni immobili: l'aumento della percentuale di deducibilità per i capannoni potrebbe essere un primo passo verso la cancellazione delle tasse? La speranza delle imprese e ultime novità

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Imu beni immobili: l'aumento della percentuale di deducibilità per i capannoni potrebbe essere un primo passo verso la cancellazione delle tasse? La speranza delle imprese e ultime novità

L’ultimo emendamento alla Legge di Bilancio 2019 in merito alla deducibilità Imu sugli immobili strumentali delle imprese portata al 40% ha ottenuto il favore della CNA (si veda emendamento n. 4.021 alla Legge di Bilancio 2019 apportante modifiche all’art. 14, comma 1 del Dlgs n. 23/2011). Può essere considerato un primo passo verso l’abolizione dell’IMU beni strumentali?

Dal 2019 i beni immobili strumentali all’attività di impresa, tra i quali rientrano anche i capannoni,  godranno di una deducibilità raddoppiata. Si potrà portare in detrazione ai fini Irpef e Ires il 40%. La risposta della Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa: il direttore e il presidente della CNA Territoriale Ancona, Massimiliano Santini e Maurizio Paradisi hanno ricordato che per gli imprenditori “l’Imu è una tassa da sempre giudicata iniqua ed assurda” e ne va dunque prevista l’abolizione sugli immobili strumentali delle imprese.

In un comunicato stampa della CNA datato 3 dicembre 2018, si legge espressamente: “Compiuto un passo importante verso la deducibilità integrale dell’Imu sugli immobili strumentali, un atto di giustizia fiscale. Come il governo aveva promesso alla CNA, un emendamento alla manovra raddoppia l’attuale livello di deducibilità dal 20 al 40 per cento riconoscendo, sia pure parzialmente, che gli immobili strumentali – capannoni, laboratori, negozi – non costituiscono un bene di lusso ma sono indispensabili all’attività d’impresa e alla creazione di lavoro. Avevamo chiesto al governo atti concreti in favore degli artigiani e delle piccole imprese. Ieri si è cominciato a passare dalle parole ai fatti. Confidiamo che, nell’ancora lungo iter di approvazione della manovra, l’emendamento ne diventi parte integrante. Ora ci attendiamo ulteriore attenzione da parte del governo e del parlamento nei confronti degli artigiani e delle piccole imprese, a cominciare dalla riduzione dei premi Inail e dall’abolizione del Sistri” .
Obiettivo finale quindi resta l’abolizione dell’IMU sui beni strumentali di impresa. La copertura economica richiesta intanto per raddoppiare la deducibilità dal 20 al 40% è di circa 290,3 milioni di euro per l’anno 2020 e 166,9 milioni annui a partire dal 2021.

Leggi anche: Imu e Tasi 2019, potrebbero diventare un’imposta unica?

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tasse e Tributi, Imu