Saipem: Tecnomare acquisisce i centri di ingegneria di Roma e Vibo

di , pubblicato il

saipem aumento capitaleSaipem ha reso noto di aver sottoscritto un accordo per il trasferimento del ramo d’azienda costituito dai centri di esecuzione progetti di Vibo Valentia e Roma a Tecnomare in coerenza con la strategia di focalizzazione e ottimizzazione annunciata all’interno del nuovo piano industriale. I centri di esecuzione progetti di Vibo Valentia e Roma impiegano 354 risorse, impegnate in buona parte su progetti per Eni, che assicurano attività di ingegneria, project management, supervisione lavori e relativi servizi di supporto nei settori upstream, raffinazione e chimica, in Italia e all’estero. Saipem continua ad affidarsi alle competenze ingegneristiche detenute dai centri di San Donato Milanese, Fano, dalle strutture organizzative presenti su Roma non facenti parte del ramo d’azienda oggetto di cessione, nonché dalle strutture di Parigi e di altri centri nel mondo, come fattore competitivo strategico e differenziante. L’operazione di cessione del ramo avrà efficacia dal 31 dicembre 2015, e le strutture verranno integrate nell’organizzazione dell’acquirente Tecnomare. La cessione del ramo a Tecnomare costituisce operazione di minore rilevanza ai sensi della procedura parti correlate.

La cessione è stata approvata, all’unanimità, dal Consiglio di Amministrazione di Saipem. Il Comitato per il Controllo e i Rischi, sulla base delle valutazioni di un qualificato advisor indipendente, ha espresso, all’unanimità, parere favorevole sull’interesse di Saipem al compimento dell’operazione nonché sulla convenienza e correttezza sostanziale delle relative condizioni. Saipem è uno dei leader mondiali nei servizi di perforazione, ingegneria, approvvigionamento, costruzione e installazione di condotte e grandi impianti nel settore oil&gas a mare e a terra, con un forte orientamento verso attività in ambienti difficili, aree remote e in acque profonde.

Saipem fornisce una gamma completa di servizi con contratti su base “EPC” e/o “EPIC”, spesso ‘chiavi in mano’, e dispone di capacità distintive ed asset ad alto contenuto tecnologico.

Argomenti: