Leonteq: da oggi su EuroTLX 3 nuovi Express Certificate worst of su azioni Usa e italiane

di , pubblicato il
I tre nuovi Express Certificate Worst of di Leonteq hanno come sottostante azioni del settore tech Usa (i primi due) e azioni italiane (il terzo)

Interessanti novità per gli investitori che sono soliti puntare sugli Express Certificate Worst Of. A partire da oggi 29 gennaio saranno quotati sul mercato EuroTLX di Borsa Italiana tre nuovi Express Certificate Worst of targati Leonteq Securities, società svizzera nota alla comunità finanziaria italiana dallo scorso anno. L’offerta dei nuovi Express Certificate worst of è volutamente composita per venire incontro alle diverse esigenze di investimento. Dei tre Express Certificate Worst of collocati, infatti, due hanno come sottostanti aziende tech di Wall Street e uno alcune delle più importanti blue chips italiane. In pratica il minimo comun denominatore dei tre certificati è la presenza di sottostanti che nel corso del 2017 hanno registrato performance di borsa molto interessanti.

Prima di esaminare nel dettaglio le caratteristiche dei tre certificati lanciati da Leonteq, può essere utile avere un quadro complessivo del collocamento. Gli Espress Certificate sono sono strumenti finanziari appartenenti alla categoria dei certificate a capitale condizionatamente protetto che consentono di investire in uno specifico sottostante, nel nostro caso azioni. La caratteristica principale degli Express Certificate è quella di poter scadere anticipatamente al verificarsi di predeterminate condizioni stabilite in fase di emissione. In tale caso viene riconosciuto all’investitore, oltre al prezzo di emissione, un ulteriore importo. E’ appunto per questo motivo che gli Express Certificate stanno incontrando un successo crescente sul mercato.

Per quello che riguarda la triplice emissione di Leonteq, il valore complessivo del collocamento è pari a 30 milioni di euro, 10 per ogni certificato, e si caratterizza per la possibilità offerta agli investitori di ottenere un premio condizionato mensile dell’1% nel corso dei due anni di vita degli strumenti. Nel caso in cui l’investitore ottenga ogni mese il suo coupon, il rendimento annualizzato lordo sarebbe pari al 12%.

Per tutti e tre i certificati la data di scadenza finale è stata fissata il 29 gennaio 2020. Il 24 gennaio 2020 sarà invece l’ultimo giorno in cui sarà possibile negoziare sul mercato secondario i Certificate e giorno in cui l’emittente rileverà i prezzi di riferimento finale dei sottostanti alla chiusura delle contrattazioni.

Il prezzo di emissione dei nuovi prodotti Leonteq è di 1.000 euro a Certificate.

Nella tabella seguente sono indicati i tre Express Certificate lanciate oggi da Leonteq su EuroTLX di Borsa Italiana. Nella scelta del certificato su cui investire si invita a prestare molta attenzione all’importo percentuale della barriera di riferimento ossia al valore o prezzo del sottostante sotto il quale l’investitore perde la protezione del capitale. A conti fatti, infatti, proprio l’entità della barriera, e ovviamente il sottostante di riferimento, è il principale elemento di differenza tra i tre strumenti finanziari.

ISINSottostantiTemaCoupon p.a.Barriera di protezioneLink al sito
CH0396947019AMD, Nvidia, IntelRealta’ virtuale12%50% EuropeaLink
CH0396947027Fiat, Intesa, Telecom, EnelBlue chip italiani12%55% EuropeaLink
CH0396947035Facebook, Microsoft, Netflix, AlibabaTech giants12%62% EuropeaLink

Gli Express Certificate Worst of su azioni Usa: caratteristiche

Il primo Certificate quotato da Leonteq Securities è l’Express Certificate Worst of composto dai titoli AMD, Intel e Nvidia (ISIN CH0396947019). La caratteristica più importante di questo certificato è la possibilità di ottenere ogni mese un premio dell’1% sul prezzo nominale del Certificato qualora le quotazioni del titolo con la performance peggiore tra i tre titoli azionari che compongono il basket valga almeno il 65% del prezzo di riferimento rilevato il 24 gennaio scorso. La prima data di rilevazione si avrà il prossimo 26 febbraio, con pagamento del coupon il 1° marzo 2018. Altra caratteristica del certificato è la possibilità di scadere anticipatamente dalla terza data di rilevazione, fissata per il 26 aprile 2018, qualora il valore di quotazione del peggiore tra i titoli AMD, Intel e Nvidia valga almeno il 100% del valore nominale rilevato il 24 gennaio.

Le possibilità che il Certificate scada anticipatamente aumentano con il passare del tempo. La struttura fissata da Leonteq vede infatti scendere nel corso della vita dello strumento il livello di scadenza anticipata dal 100% del prezzo di riferimento iniziale, valido dal terzo mese di vita del Certificate per le prime 5 rilevazioni, al 95% delle successive 5. Prima della scadenza naturale del Certificate l’emittente ha previsto altri due tagli del livello di scadenza anticipata, posto al 90% del prezzo di riferimento iniziale per il periodo 25 febbraio – 24 giugno 2019 e all’85% dal 24 luglio 2019 al 24 gennaio 2020.

Altra caratteristica di questo Certificato è l’Opzioni memoria cui sono soggetti i Coupon. Se a una data di rilevazione mensile il valore del peggiore dei sottostanti del basket dovesse valere meno del 65% del prezzo rilevato in fase di emissione, l’Express Certificate Worst of non pagherebbe il premio. E’ appunto grazie all’Opzione Memoria che l’investitore ottenere il pagamento del o dei coupon precedentemente non pagati qualora a una delle date di rilevazione successive il peggiore sottostante del basket valesse almeno il 65% del prezzo rilevato alla chiusura delle contrattazioni del 24 gennaio 2018.

Nel caso in cui un rimborso anticipato non si sia verificato in uno dei giorni di monitoraggio dell’autocall, l’investitore ha il diritto di ricevere alle date di pagamento della cedola l’importo della cedola condizionale.
Nel caso in cui un rimborso anticipato non si sia verificato in uno dei giorni di monitoraggio dell’autocall, l’investitore ha il diritto di ricevere dall’emittente alla data di rimborso per prodotto un pagamento nella moneta di rimborso uguale al Prezzo di emissione se il Barrier Event non si dovesse verificare; un pagamento nella moneta di rimborso uguale a Prezzo di emissione × Rendimento peggiore se il Barrier Event si dovesse verificare.

A chi è adatto questo Certificate Express Worst of su azioni Usa di Leonteq? Prima di effettuare scelte di investimento che possono portare a esiti errati, è bene considerare che questo strumento, grazie proprio alla possibilità di incassare mensilmente un coupon dell’1% è l’ideale per chi è alla ricerca flusso cedolare costante.

Alo stesso tempo però l’opzione autocallable permette di ruotare i propri investimenti con maggiore velocità.Ciò si traduce nella possibilità di aumentare il proprio rendimento.

Molto simile questo strumento è anche la struttura del secondo Express Certificate Worst of quotato da Leonteq e avente come sottostanti i titoli di Facebook, Microsoft, Netflix e l’ADR su Alibaba Group (codice ISIN dello strumento CH0396947035).

L’unica differenza tra ISIN CH0396947035 e ISIN CH0396947019 è il valore cui è stata posta la Barriera. Nel caso di questo secondo strumento la posta al 50% del prezzo di riferimento iniziale. Essendo di stampo europeo, l’emittente rileverà il verificarsi o meno dell’evento Barriera solo alla data di scadenza del Certificate.

Gli Express Certificate Worst of su azioni italiane: caratteristiche

Accanto ai due certificati su azioni Usa, Leonteq ha anche presentato uno strumento che ha invece come sottostante le azioni italiane. E’ da oggi 29 gennaio oggetto di quotazione sull’indice EuroTLX anche un Express Certificate Worst of su azioni Enel, Fiat Chrysler Automobiles Group, Intesa Sanpaolo e Telecom Italia (ISIN ISIN CH0396947027). Tra il certificato italiano e i due “calibrati” su Wall Street, c’è una prima importante differenza che riguarda proprio i sottostanti. Mentre gli Express Certifcate Worst of su azioni americane, riguardavano titoli del settore tech, quello su azioni italiane riguarda titoli di settori eterogenei. Abbiamo infatti una quotata del settore bancario, una del settore automotive e ancora un’utility e un industriale. La presenza di azioni di natura così diversa non è casuale ma serve appunto a ridurre il rischio dell’investitore.

Altro elemento di differenza dello strumento calibrato su azioni italiane è l’ammontare del livello di barriera che viene rilevato solo a scadenza e sul titolo con la peggiore performance ed è pari al 55% del valore rilevato alla chiusura delle contrattazioni dello scorso 24 gennaio. L’Express Certifcate Worst of su azioni Enel, Fiat Chrysler Automobiles Group, Intesa Sanpaolo e Telecom Italia prevede il pagamento condizionato di un premio mensile dell’1% qualora il peggiore dei sottostanti valga almeno il 65% del prezzo di riferimento iniziale e la possibilità di scadere anticipatamente nel corso dei 2 anni di vita del Certificate qualora alle date di rilevazione prestabilite il peggiore dei sottostanti valga almeno un determinato valore. Questo prodotto offre all’investitore la possibilità periodica di ricevere l’importo della cedola condizionale (con effetto memoria). Inoltre, un rimborso
anticipato avviene se le condizioni corrispondenti si verificano in uno dei giorni di monitoraggio dell’autocall. Se né un rimborso anticipato né un barrier event si verificanono, l’investitore riceverà alla data di rimborso un pagamento in contanti uguale alla al prezzo di emissione. Nel caso in cui si verifichi un barrier event, invece, il rimborso del prodotto dipende dal valore del sottostante con il rendimento peggiore.

I tre nuovi Express Certificate worst of su azioni Usa e italiane rappresentano strumenti di investimento molto diversi tra loro. La presenza di un Certificate calibrato su azioni italiane è ideale per chi guarda soprattutto al mercato domestico. Nella scelta del tipo di Express Certificate più adatto alle proprie esigenze, la Barriera è uno degli elementi da monitorare.

 

Argomenti: ,