Zoom: potrà continuare a crescere a questi ritmi nonostante un progressivo ritorno alla normalità?

Analisi sul titolo Zoom, reduce da un boom di ricavi grazie alla pandemia. Ci s'interroga sul suo potenziale futuro.

di , pubblicato il
Analisi Zoom

INTRODUZIONE

Zoom Video Communications, conosciuta anche semplicemente come Zoom, è una società di servizi di teleconferenza con sede a San Jose in California, che ha vissuto un momento di grande notorietà durante la pandemia quando molte aziende e scuole hanno adottato i suoi servizi di conferenza remota. È attiva sul mercato già da 10 anni, fondata nel 2011 da Eric Yuan ex ingegnere capo di Cisco Systems.

Inizialmente Zoom offriva la possibilità di ospitare conferenze con un massimo di 15 partecipanti, oggi i client aziendali possono collegarne fino a 1000. La forza dell’azienda, al di là dell’accelerazione generata dall’emergenza della pandemia e dai finanziamenti ricevuti da grandi fondi, è da ricercare nelle numerose partnership sviluppate negli anni con altri colossi del settore da Logitech a Voxbone, da Polycom a Skype, fino all’integrazione con Slack.

Zoom approda in borsa il 18 aprile 2019 a un prezzo del 72% superiore rispetto all’offerta pubblica iniziale di 36$ per azione e raggiunge un massimo durante l’anno della pandemia di circa 592$ con un rialzo super di circa l’855%. Durante la prima settimana di giugno ha reso noti i risultati finanziari relativi al primo trimestre 2021, ben superiori alle stime degli analisti, poiché ha registrato una crescita dei ricavi pari al 191%, che hanno portato il board a rivedere le previsioni per l’intero anno.

Nonostante gli analisti prevedessero una flessione delle performance per via del ritorno in ufficio e nelle scuole e, nonostante un notevole incremento dei costi di gestione del 155% rispetto all’anno precedente, l’azienda ha registrato un utile netto di 227,4 milioni di dollari, pari a 74 centesimi per azione. Le previsioni di crescita per il futuro rimangono prudenti, bisognerà osservare i prossimi trimestri quando sarà possibile effettuare comparazioni non drogate dagli effetti della pandemia da Covid-19 per capire se l’azienda sarà in grado di continuare a crescere in maniera sostenibile scontrandosi con colossi del calibro di Cisco e Microsoft.

ANALISI FONDAMENTALE

La società è quotata da poco più di 2 anni e i dati a livello fondamentale sono limitati, ma dal grafico risulta evidente l’impennata di utili e ricavi, così come quella dei costi operativi dell’azienda come presentato sopra, dati che erano già visibili dall’ultima trimestrale.

È possibile osservare come già prima dello scoppio della pandemia l’azienda aveva iniziato a incrementare i propri ricavi e gli investimenti per provvedere alla crescita dell’azienda, anche se non avendo dati a confronto diventa difficile poter stimare se la crescita senza pandemia sarebbe stata la stessa.

Nel grafico sottostante andiamo a vedere quelle che sono le previsioni degli analisti, seppur sia ancora molto difficile fare stime, la maggior parte è concorde con il credere che l’azienda possa andare a raddoppiare i ricavi nel corso dei prossimi 3 anni.

La struttura finanziaria evidenzia un’estrema solidità da parte dell’azienda con un debito a zero, un equity in netta salita e un importante disponibilità di liquidità in cassa per far fronte a futuri investimenti. Vediamo il confronto con il suo indice

A confronto abbiamo il titolo Zoom (linea gialla), con l’Etf Ishares (linea arancione) che replica l’andamento dell’SP500: considerando il periodo da aprile 2019, data di quotazione dell’azienda, ad oggi è evidente come il titolo abbia sovraperformato l’indice di riferimento.

ANALISI TECNICA

Il titolo presenta un trend di fondo assolutamente rialzista, dopo i massimi raggiunti intorno all’area dei 600 dollari per azione nell’ottobre 2020 è cominciata una fase correttiva che ha portato il titolo a chiudere il gap lasciato aperto a settembre 2020 e stabilizzarsi sui 275, da lì ha ripreso forza con incremento di volumi e sembra intenzionato a dirigersi verso l’area dei 450 dollari.
Sul grafico e di seguito sono segnati i livelli più importanti da tenere monitorati.

  • RESISTENZA 3 588,68$
    RESISTENZA 2 500$
    RESISTENZA 1 450$
    Prezzo al momento dell’analisi 366,40$
    SUPPORTO 1 275$
    SUPPORTO 2 230$
    SUPPORTO 3 160$
Argomenti: