Viaggi e coronavirus: che cosa cambia dal 7 ottobre, le novità per chi si sposta

Novità dal 7 ottobre per chi arriva in Italia: tamponi anche per Olanda, Regno Unito e Belgio.

di , pubblicato il
Viaggi coronavirus

Che cosa cambia dal 7 ottobre per i viaggi verso l’estero alla luce dell’entrata in vigore delle nuove regole? Con l’aumento dei contagi e l’obbligo delle mascherine 24 ore su 24 anche all’aperto in tutta Italia, si aggiornano anche le regole per i viaggi, regole che saranno contenute nel nuovo Dpcm

Tamponi anche per chi arriva da Belgio, Olanda e Regno Unito

Tra le novità annunciate, l’obbligo di tampone anche per chi entra dal Regno Unito, Belgio e Olanda, che vanno ad aggiungersi ai controlli previsti per chi viene dalla Francia e dalla zona di Parigi, oltre che da Croazia, Grecia e Malta. 

Per ora restano bloccati gli arrivi in Italia per turismo per chi ha transitato o soggiornato nei 14 giorni precedenti nei seguenti paesi: 

  • Brasile 
  • Cile 
  • Colombia 
  • Bosnia Erzegovina 
  • Armenia 
  • Bangladesh 
  • Kosovo 
  • Kuwait 
  • Macedonia del Nord 
  • Bahrein 
  • Moldova 
  • Montenegro 
  • Panama 
  • Oman 
  • Perù
  • Repubblica Domenicana 

Quarantena e spostamenti

Si ricorda che gli spostamenti sono consentiti solo per motivazioni legate a lavoro, salute, studio, urgenza e rientro al proprio domicilio. In ogni caso è necessario compilare un’autocertificazione. 

Il tampone per gli arrivi in Italia, dunque, è richiesto a chi giunge da Croazia, Grecia, Malta, Spagna, Bulgaria, Francia, Olanda, Belgio e Regno Unito. 

Chi entra da questi paesi deve attestare di essersi sottoposto a tampone nelle 72 ore precedenti o effettuarlo all’aeroporto o porto o al confine. E’ ancora obbligatoria la quarantena per chi arriva da Romania, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Nuova Zelanda, Ruanda, Repubblica di Corea, Thailandia, Tunisia e Uruguay. 

Per quanto riguarda il resto del mondo, gli spostamenti sono consentiti per lavoro, motivi di salute o studio, urgenza e rientro al proprio domicilio.

Per il resto bisogna attendere l’uscita del nuovo Dpcm per avere maggiori dettagli sui viaggi e gli spostamenti da e verso l’estero.

Vedi anche: Obbligo mascherine all’aperto in tutta Italia: che cosa succede a chi non le indossa

[email protected]

Argomenti: ,