Smart working non solo a casa: lavoro anche in giardino con la capsula arredata

Il progetto si chiama Zen Work Pod, una capsula per lavorare anche in cortile o in giardino.

di , pubblicato il
Il progetto si chiama Zen Work Pod, una capsula per lavorare anche in cortile o in giardino.

Ormai parlare di smart working è diventata una consuetudine e visto il successo di questa modalità di lavoro agile, che in un certo senso trasforma la casa in un ufficio, sono diverse le aziende che hanno deciso di puntare a delle creazioni innovative legate proprio allo smart working. 

Lavorare anche in giardino con la capsula arredata

All’inizio si parlava della possibilità di lavorare in vacanza, prenotare a prezzi competitivi delle camere di albergo di lusso, fornite di tutte le comodità per lavorare da remoto. Ora, l’azienda statunitense Autonomus avrebbe pensato ad una capsula per lavorare anche in giardino senza nessun rumore. Il progetto si chiama Zen Work Pod, si tratta di una capsula vetrata arredata con una sedia, una scrivania, una libreria da montare direttamente nel giardino di casa. L’idea di Zen Work Pod è nata pensando a tutti quelli che devono lavorare da casa, magari in spazi angusti o sempre nello stesso posto, spesso infastiditi da voci e altre distrazioni casalinghe.

Chi ha la fortuna di possedere un piccolo giardino, può quindi trasportare la postazione di lavoro e costruire questa piccola capsula in cui poter aggiungere persino l’aria condizionata o il riscaldamento a seconda della temperatura. La capsula richiede circa 72 ore di montaggio, occupa 6 metri quadrati, quindi è facilmente utilizzabile per lavorare. Per avere l’energia basta collegare il cavo esterno alla corrente di casa. Addirittura, oltre che per lavorare con tanto di panorama sul giardino o cortile di casa, può essere utilizzata per fare yoga o allenarsi. Il prezzo medio si aggira su 4.500 euro ma può arrivare anche a 11mila euro. 

Lavorare ovunque con lo smart working

Ormai grazie al lavoro agile, è possibile operare in ogni luogo ma è ovviamente la propria casa il luogo prediletto in cui la maggior parte delle persone lavorano.

È chiaro che nel prossimo futuro nasceranno sempre più idee legate alle postazioni dello smart working, basti pensare che questa estate una azienda ha offerto persino una settimana di vacanza in un villaggio turistico per lavorare e rilassarsi allo stesso tempo.

Leggi anche: Come lo smart working rende introversi e cambia le relazioni in ufficio

[email protected]

 

Argomenti: ,