Nuove banconote da 100 e 200 euro: cosa cambia con il debutto

Con le nuove banconote non ci sarà più alcuna differenza di taglio con il formata da 50 euro.

di , pubblicato il
Con le nuove banconote non ci sarà più alcuna differenza di taglio con il formata da 50 euro.

Da ieri hanno fatto il loro debutto ufficiale le nuove banconote da 100 e 200 euro. La nota ufficiale della Banca centrale europea nella giornata del 28 maggio non ha sorpreso gli addetti ai lavori, visto che il lancio per fine maggio era stato annunciato da tempo. Come vi avevamo anticipato nelle precedenti settimane, i nuovi tagli da 100 e 200 euro serviranno per aumentare la sicurezza, dando un colpo letale all’industria della falsificazione. In totale sono state stampate tre miliardi di banconote: 2,3 miliardi riguardano il taglio da 100 euro, i restanti 700 milioni il taglio da 200 euro.

 

Il verde ancora protagonista

Il colore verde negli ultimi giorni sta riscuotendo un successo rilevante, in Italia come in Europa (ma per motivi diversi, leggi il nostro approfondimento sulle elezioni Europee per capire meglio di cosa stiamo parlando). Nelle banconote da 100 e 200 euro tirate a lucido da Bruxelles compare un numero verde smeraldo migliorato rispetto ai precedenti tagli. Se esposte alla luce diretta del sole, inoltre, è possibile distinguere chiaramente il simbolo dell’euro (€) che ruota intorno alla cifra corrispondente al valore della banconota. Segnaliamo anche la presenza di un ologramma con satellite, che i tecnici di Bruxelles hanno posizionato nella parte più in alto della striscia argentata.

 

Formato delle banconote da 50 euro

Fino ad oggi le banconote da 100 e 200 euro erano quelle con taglio più grande rispetto a tutte le altre. Con le nuove banconote, invece, non ci sarà più alcuna differenza di taglio con il formata da 50 euro. Si va così a risolvere un problema da sempre sottovalutato, alla luce del fatto che la banconota da 100 euro sia la terza più utilizzata dopo quella da 50 e 20 euro, rispettivamente in prima e seconda posizione.

Più maneggevoli dunque, ma anche meno soggette all’usura, potendo essere conservate in maniera più agevole all’interno del proprio portafoglio.

 

E le vecchie banconote?

La domanda sorge spontanea: che fine faranno le vecchie banconote da 100 e 200 euro rimaste in nostro possesso? La Banca centrale europea, a tal riguardo, non ha previsto alcuna misura di ritiro eccezionale. I cittadini europei potranno spendere liberamente le vecchie banconote, mentre proseguirà lentamente il loro ritiro e l’ingresso delle nuove.

Leggi anche: Nuove banconote da 100 e 200 euro: come sono e quando arrivano, Bce dichiara guerra alla contraffazione

Argomenti: , ,