‘I napoletani creativi ma senza voglia di lavorare’, le parole di Vittorio Sgarbi che lancia un’iniziativa su Maradona e Van Gogh

Suscitano polemiche le parole di Vittorio Sgarbi: i napoletani non hanno voglia di lavorare. Arriva però una nuova iniziativa con Maradona e Van Gogh.

di Carlo Pallavicini, pubblicato il
Suscitano polemiche le parole di Vittorio Sgarbi: i napoletani non hanno voglia di lavorare. Arriva però una nuova iniziativa con Maradona e Van Gogh.

Vittorio Sgarbi, critico d’arte e personaggio pubblico sopra le righe, ha colto come pochi altri le potenzialità della Napoli in forte crescita di questi ultimi anni e al Pizza Village ha avuto la possibilità non solo di incontrare un bagno di folla che lo ha acclamato al grido di ‘Vittò Vittò’ ma ha avuto anche la possibilità di discutere di un suo nuovo progetto che coinvolge Maradona e Van Gogh. Certo, le sue parole fanno discutere: ‘I napoletani non hanno voglia di lavorare’, rinverdendo un vecchio mito, difficile a sradicarsi, ma che sembra ancora fare fortuna. Ma le sue parole vanno analizzate con attenzione.

Approfondimento – Caldo record, siccità e razionamento acqua: ecco come vendiamo le nostre risorse alle Multinazionali, i dati.

‘I napoletani sono creativi, ma non hanno voglia di lavorare’: Vittorio Sgarbi al Pizza Village

Dietro ogni stereotipo c’è un po’ di verità, un po’ come nelle leggende. Vittorio Sgarbi, durante un’intervista al Pizza Village, ha riproposto, appunto, i due più grandi stereotipi sul ‘napoletano’: la geniale creatività e la mancanza di voglia di lavorare. Le parole non sono state accolte bene dai media napoletani, anche se, come abbiamo detto, è possibile che ci sia un fondo di verità: da un lato la ‘creatività’ nasce sicuramente dalle difficoltà di ‘arrivare a fine giornata’, ma anche dalla grande mescolanza di culture che ha sempre caratterizzato il popolo partenopeo che insegna come le ‘migrazioni’ e i mélange tra culture diverse non possono che produrre ricchezza: un messaggio anche contro l’oscurantismo della nostra epoca.

Il secondo stereotipo è quello che riguarda la mancanza di voglia di lavorare: anche questo (forse) ha un fondo di verità, nonostante i napoletani lavorino eccome in ogni condizione, ma forse il vero problema – e su questo Sgarbi ha forse colto nel segno – riguarda la produttività: il napoletano è restio (forse) a quelle attività meramente produttive, non è per così dire un animale ‘capitalista’, troppo libero per esserlo. Ma Sgarbi sa bene che nella Napoli in forte crescita degli ultimi anni conviene investire ed è per questo che ha già in mente un progetto di un ‘Museo della Follia’ con Van Gogh e Maradona.

Ecco Come evitare il suicidio dell’uomo sulla Terra: l’equilibrio demografico non è impossibile, l’analisi.

Sgarbi, i napoletani e il ‘Museo della Follia’ con Maradona e Van Gogh

Ebbene, Vittorio Sgarbi, oltre a proferire le parole della discordia (che poi proprio così non sono state) ha anche annunciato un nuovo progetto per la città partenopea: nella Basilica della Pietrasanta, dove è ancora in corso una mostra di grandissimo successo ‘I tesori nascosti’ con opere di Tino di Camaino, Caravaggio, Gemito, Giuseppe Ribeira, Luca Giordano, Francesco Solimena, ma anche di Giorgio de Chirico, Giorgio Morandi e Antonio Ligabue, il critico d’arte ha intenzione di lanciare una nuova iniziativa. Si tratta del ‘Museo della Follia’ con opere di Van Gogh e con la partecipazione straordinaria (non è chiaro in che modo) di Diego Armando Maradona, icona rappresentativa di Napoli e forse della napoletanità, grazie al suo genio e alla sua sregolatezza. Perché i napoletani (forse) non hanno voglia di essere produttivi, ma la genialità e la sregolatezza stanno di casa nella città della vecchia sirena Partenope.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Crisi economica Italia, Economia Italia

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.