Disattivazione AD Block: l’analisi di Neomobile sulle sfide del marketing italiano

In attesa dello IAB Forum a Milano il prossimo 29 e 30 novembre, abbiamo analizzato con Neomobile l’impatto che l'AD Blocking ha sul mercato digitale in Italia e quali sono i metodi più efficaci per incentivare la sua disattivazione

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
In attesa dello IAB Forum a Milano il prossimo 29 e 30 novembre, abbiamo analizzato con Neomobile l’impatto che l'AD Blocking ha sul mercato digitale in Italia e quali sono i metodi più efficaci per incentivare la sua disattivazione

L’AD blocking, ovvero il blocco, da parte dei lettori, della pubblicità presente su un sito web, e che attualmente costituisce il principale ritorno economico anche di questa testata giornalistica, è un fenomeno in continua crescita, riducendo di fatto la sostenibilità economica dei media online italiani.
La Disattivazione dell’AD block sta diventando la sfida più grande per gli editori online, concessionarie, centri media e agenzie.

In attesa della nuova edizione di IAB Forum a Milano, il più importante evento italiano nel comparto della pubblicità su Internet e il 4° evento europeo per numero di partecipazioni, che si svolgerà il prossimo 29 e 30 novembre, abbiamo cercato di capire con Neomobile l’impatto che l’AD Blocking ha sul mercato digitale in Italia e quali sono i metodi più efficaci per incentivare la sua disattivazione.

Una recente campagna di Outofhomedia sugli autobus in Danimarca ha posto l’attenzione, in modo spiritoso, al problema che l’AD blocking rappresenta per il mercato digitale. La disattivazione dei AD block, secondo Neomobile, condivisa con tutti i principali player della industry, è l’unica via d’uscita per sopravivere alla cosidetta “Adblockalypse”. La soluzione è la user experience: la maniera in cui un prodotto viene presentato non dovrebbe infastidire l’utente mentre naviga, ma dovrebbe catturare la sua attenzione e portarlo ad approfondire ed eventualmente acquistare il prodotto.

La pubblicità di qualità si può ottenere solo rimettendo l’utente al centro della Industry, e istruendolo su come funziona il mercato: la pubblicità è la fonte principale per coprire i costi dei contenuti e dei servizi che vengono offerti gratuitamente ogni giorno, come conclude il whitepaper di IAB Italia sul’fenomeno di AD blocking.

Secondo l’analisì di PageFair in Italia il 17% della popolazione online usa l’AD block da desktop (e 1% da mobile) numero al di sopra della media globale, che si aggira intorno al 11%.

Le conclusioni più importanti del report che riguardano il mercato globale:

  • 615 milioni di device hanno l’AD block attivo
  • 30% YoY la crescita dell’utilizzo del AD block
  • 74% di utenti abandonano la pagina web che richiede la disattivazione del AD block per poterla navigare
  • 77% di utenti che hanno Ad block sono disposti a visualizzare certi tipi di pubblicità

Dall’altro lato, l’indagine su “Lo Stato dell’Arte dell’Ad Blocking in Italia”, condotta dalle associazioni più autorevoli in questo ambito, come Assocom, FCP-Assointernet, Fedoweb, IAB Italia, Netcomm e UPA, mostra invece dati che differiscono dal report PageFair: la penetrazione desktop risulta essere del 13%, e mobile del 7,6%. Inoltre, il report fornisce altri numeri chiave:

  • Il 21,9% degli utenti italiani dichiara di conoscere e utilizzare l’Ad blocking in occasioni specifiche, attivando e disattivando l’ad blocker, secondo i siti o device utilizzati
  • Il motivo principale per l’utilizzo è l’impatto dell’advertising sulla user experience di navigazione (formati invasivi, affollamento elevato, rallentamento nel caricamento dei contenuti)
  • l’81% degli utilizzatori di Ad blocker attiverebbe la disattivazione del blocco se un sito eliminasse i formati pubblicitari più invasivi
  • Il 55% degli utilizzatori di Ad blocker non è a conoscenza del ruolo dell’advertising nel finanziamento dei produttori di contenuti fruiti dagli utenti online, spesso gratuiti

Queste e altre problematiche, sollevate da diversi report, saranno un punto di discussione importante nella quindicesima edizione dello IAB forum. Con il claim “Born Digital”, il 29 e 30 novembre al MiCo Ala Nord, lo IAB affronterà diversi temi, dai trend del mercato pubblicitario agli interventi legati all’innovazione nell’ambito di Intelligenza Artificiale, Realtà Virtuale e Robotica.

I convegni suggeriti da Neomobile sono:

Mercoledì 29 novembre

09:25 European Online Ad Spending: latest trends and emerging issues, Constantine Kamaras, Presidente del Board di IAB Europe

11:40 I dati e i trend di mercato del digital advertising in Italia, Andrea Lamperti, Direttore dell’Osservatorio Internet Media della School of Management del Politecnico di Milano

Giovedì 30 novembre

12:00 Il Digital marketing ai tempi dell’AI, Luca Petroni, Head of Design Assist Digital

 

Per saperne di più visitare http://www.iab.it/, il programma completo http://www.iab.it/eventi/iab-forum/agenda-convegno-istituzionale-sala-silver/

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Social media e internet