Criptovalute, dopo Libra ecco i progetti di Cina e Regno Unito

Apple ha annunciato di essere al lavoro per integrare i servizi basati sulla principale criptovaluta nel sistema di pagamento Apple Pay.

di , pubblicato il
Apple ha annunciato di essere al lavoro per integrare i servizi basati sulla principale criptovaluta nel sistema di pagamento Apple Pay.

Il settore delle criptovalute è in fermento. In estate Facebook ha annunciato il progetto Libra, una valuta digitale ancora a monete fiat (dunque non una vera criptovaluta ma una stablecoin). L’annuncio di Mark Zuckerberg sembra abbia impresso un’accelerazione decisiva ad altri ambiziosi progetti, in primis quello portato avanti dalla banca centrale della Cina.

Infatti, la PBoC (l’istituto bancario statale cinese) dovrebbe eseguire il lancio di una moneta digitale molto simile a Libra prima della conclusione di quest’anno. Riflettori accesi anche sulla banca centrale del Regno Unito, che vorrebbe creare una valuta digitale simile alla criptovaluta studiata da Facebook.

Cambio di paradigma

Prima che il progetto Libra vedesse la luce, esisteva un forte scetticismo sulle criptovalute. Negli ultimi mese, invece, stiamo assistendo a un radicale cambio di paradigma, dal momento che sono le stesse banche centrali dei Paesi a voler dotarsi di una propria valuta virtuale. La prima ad esordire dovrebbe essere la stablecoin della PBoC (la banca statale cinese), il cui lancio sarebbe fissato per il prossimo mese di novembre. A proposito del progetto sponsorizzato da Mark Carney, governatore della banca centrale d’Inghilterra, la nuova presidente della Banca centrale europea (Bce) ha lasciato la porta aperta, affermando che la proposta inglese vada approfondita.

In arrivo i future basati su Bitcoin

Un altro tassello che va ad aggiungersi al puzzle dell’accettazione del concetto di criptovaluta da parte del cosiddetto mainstream è rappresentato dall’ormai prossimo debutto dei future basi su Bitcoin. L’appuntamento è fissato per il prossimo 23 settembre. L’emissione sarà a carico di una controllata di ICE (borsa di New York).

Anche le big-tech non stanno a guardare. Per esempio Apple ha già annunciato di essere al lavoro per integrare i servizi basati sulla principale criptovaluta (Bitcoin) nel sistema di pagamento proprietario Apple Pay. Samsung sta invece dotando i propri top di gamma con portafogli elettronici per criptovalute.

Leggi anche: Criptovalute, truffa Bitcoin Future: hacker sfruttano i nomi di Briatore e Di Maio

Criptovalute: Bitcoin scatta di nuovo in avanti, Tether supera EOS, la top 10

.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,
>