Il braccialetto Amazon non è solo: ecco chi lo usa in Italia

I braccialetti di Amazon non sono una vera novità: altre aziende hanno pensato a sistemi per controllare i dipendenti ma nessuno ne parla.

di , pubblicato il
I braccialetti di Amazon non sono una vera novità: altre aziende hanno pensato a sistemi per controllare i dipendenti ma nessuno ne parla.

I bracciali di Amazon hanno creato un polverone senza precedenti ma il  controllo a distanza della produttività dei dipendenti non è affatto una novità, bracciale e non. Nel corso degli anni sono state diverse le aziende che hanno pensato a sistemi elettronici per gestire la produttività dei dipendenti, sicuro con meno polemiche rispetto a quelle suscitate da Amazon.

Altro che Amazon e i bracciali

Alcuni anni fa, ad esempio, alcuni baristi e cassieri dell’area di servizio My Chef furono protagonisti di una sperimentazione con microchip, la Obi pensò di dotare i dipendenti di un braccialetto cercapersone che suonava ogni volta che qualcuno chiedeva assistenza, una cosa simile accade per la catena Leroy Merlin secondo quanto riporta Il Corriere. In alcuni negozi esiste una sorta di contapersone che consente di conteggiare appunto quanti tipi di acquisti vengono fatti in base al numero di persone che entrano. Fatti simili accadono ancora più di frequente nei call center dove i dipendenti possono essere controllati in base al tempo di risposta di una chiamata. Idem nei supermercati, dove è presente una sorta di app che conta quanti prodotti il cassiere riesce a battere al minuto mentre in alcuni magazzini dei supermercati esistono degli auricolari attraverso cui il dipendente riceve gli ordini e subito dopo arriva quello successivo.

Amazon: che cos’è il bracciale elettronico che controllerà i dipendenti

Il sindacato infatti si era detto contrario poiché “serve a controllare a distanza i lavoratori”. Una denuncia simile giunge dall’Usb, secondo cui molte cassiere dei supermercati indosserebbero già questo tipo di bracciale anche se invisibile. Il tutto per controllare la produttività oraria di una cassiera. All’Adnkronos, interpellata dal sindacato, una cassiera di un supermercato ha dichiarato: “Ieri mi è stata controllata la media cassa a fine turno.

La responsabile sostiene che dobbiamo avere una media superiore ai 27 articoli battuti al minuto, più stai in cassa, infatti, più ci sono tempi ‘morti’ da smaltire e  se non sei abbastanza celere da stoppare lo scontrino con il tastino #enter, la media si abbassa inesorabilmente”. Il bracciale di Amazon insomma non è forse una vera novità, anche se con sembianze diverse sistemi molto simili sono già presenti ma passano sotto silenzio.

Amazon: dopo il negozio senza cassa arrivano i robot che cancelleranno la figura del lavoratore maratoneta

Argomenti: ,