Cedole al 5,16% max annuo e difesa con AirBag: il nuovo Phoenix Memory Airbag di UBS può interessarti

Phoenix Memory Airbag DE000UD2LMK7 targato UBS; negoziato su Euro TLX, prevede cedole mensili condizionate (con effetto memoria), trigger autocall , protezione condizionata del capitale a scadenza ed effetto Airbag che attenua le perdite poteniziali.

di , pubblicato il
Phoenix Memory Airbag DE000UD2LMK7 targato UBS; negoziato su Euro TLX, prevede cedole mensili condizionate (con effetto memoria), trigger autocall , protezione condizionata del capitale a scadenza ed effetto Airbag che attenua le perdite poteniziali.
Il 05/02/2020 UBS ha emesso un certificato Phoenix memory su Basket azionario Worst Of (WO) con Effetto Airbag. Il certificato è quotato e negoziato su Euro TLX e prevede una scadenza a 5 anni, cedole mensili condizionate (con effetto memoria), opzione di rimborso anticipato (con trigger autocall decrescente), protezione condizionata del capitale a scadenza ed effetto Airbag che attenua l’entità delle perdite (e che spigheremo fra poco).
 Ogni certificato ha inoltre un prezzo di emissione di 100 Euro (uguale al valore nominale).
Nel dettaglio.

Punti di forza in sintesi

  • Strike level (Barriera europea capitale) / trigger cedola profondi fino ad un ribasso dei sottostanti pari al -40%, ovvero pari al 50% dei rispettivi livelli iniziali.
  • Cedola mensile (con effetto memoria) fino ad un max annuo del 5,16%.
  • A partire dal sesto mese, i certificati possono essere richoiamati mensilmente in anticipo grazie all’autocall trigger del 95% dei livelli iniziali,  al prezzo di emissione (1000 Euro) più le eventuali cedole dovute.
  • Effetto Airbag: permette di garantire una protezione del capitale a scadenza più marcata, tramite l’attenuazione delle perdite qualora la relativa barriera europea di protezione del capitale (in questo caso chiamata strike level) a scadenza venga superata. Indice fondamentale è il rapporto Airbag dato dal livello iniziale in rapporto al livello dello strike, espressi in valore assoluto o % (ad. es., se espressi in %: 100%/60%=1.67); la perdita sarà data dalla performance negativa moltiplicata per il rapporto Airbag, il tutto moltiplicato per il valore di emissione.

Meccanismo cedolare e rimborso automatico

Se non si verifica il rimborso anticipato, ad ogni data di valutazione (mensile) l’investitore percepisce una cedola calcolata in percentuale sul valore nominale di 1000 Euro se il prezzo di chiusura di ogni sottostante è pari o maggiore al 60% del rispettivo livello iniziale; al contrario non viene corrisposta alcuna cedola.
Tuttavia, l’effetto memoria fa si che se alla data di valutazione successiva si verifica la condizione del pagamento, l’investitore, oltre alla cedola del mese in questione, riceverà tutte le cedole precedenti non distribuite.

Inoltre, dal 12° all’ultimo mese il certificate viene rimborsato se, ad ogni data di valutazione mensile del rimborso automatico, il prezzo di ogni sottostante è superiore all’autocall trigger del 95% dei rispettivi livelli iniziali. Se la condizione si attiva l’investitore riceve 100 Euro per ogni certificato più le eventuali cedole se dovute; in caso contrario la vita del prodotto continua.

Scadenza

Se non si verifica la condizione di rimborso anticipato, alla data di rimborso l’investitore percepisce 1000 Euro per ogni certificato più le eventuali cedole dovute se alla data di fixing finale il valore  il prezzo di chiusura del sottostante con la peggiore performance è superiore allo strike level, posto al 60% del valore iniziale. Se al contrario il livello di chiusura del sottostante con la peggiore performance è pari o al di sotto del suddetto livello, alla data di rimborso l’investitore riceve un valore calcolato come prodotto fra il valore di emissione e la performance del sottostante con performance peggiore (a sua volta calcolata come valore finale in rapporto al valore iniziale), il tutto moltiplicato per il rapporto Airbag.

Esempio in caso di fixing finale inferiore allo strike level

Supponendo che la performance del sottostante peggiore sia del 55%, pari ad un ribasso del -45%, e che lo strike level sia al 60% del livello iniziale, l’investitore riceverà un importo pari a 100€x0,55×1,67=91,85 €, in quanto il rapporto Airbag è dato dal rapporto 100% / 60%. In altre parole, invece che una perdita di 450€ pari al 45% del valore di emissione si sperimenta una perdita del 8,35% (ossia la % di perdita eccedente il livello strike, pari al 5%, moltiplicata per il rapporto Airbag, pari a 1,67).

Caratteristiche

ISIN: DE000UD2LMK7

Mercato di quotazione: SeDex
Valuta: Eur
Sottostanti (livelli iniziali): Intesa Sanpaolo (2,2455 Eur), Eni (12,658 Eur), Assicurazioni Generali (17,595 Eur), Enel (7,855 Eur)
Cedola Mensile condizionata: 0,43% (max 5,16% p.
a.)
Trigger cedola/ Strike level (Barriera Capitale): 60% dei livelli iniziali
Opzione di rimborso anticipato mensile (trigger autocall): a partire dal 12° mese, pari al 95% dei livelli iniziali
Data di valutazione iniziale: 31/01/2020
Data di emissione: 05/02/2020
Data di valutazione finale: 31/01/2025
Data di scadenza: 07/02/2025

 

Argomenti: , , , , ,

I commenti sono chiusi.