Prezzi carburanti in aumento, inizio 2022 nero: ecco come risparmiare

Il 2022 inizia non solo con rincari delle bollette di luce e gas ma anche con i prezzi dei carburanti in aumento: ecco allora come risparmiare.

di , pubblicato il
prezzi carburanti

Il 2022 non inizia con il piede giusto. Dopo gli aumenti di bollette luce e gas, arrivano anche quelli dei carburanti con prezzi in aumento alla pompa. Il problema è che dal 1° gennaio è salito il costo della miscelazione dei carburanti per cui con Eni si registra, ad esempio, un aumento di 5 millesimi al litro. C’è però un modo per risparmiare.

Prezzi carburanti in aumento: ecco di quanto presso i distributori

Dai dati dell’Osservatorio prezzi del Ministero dello Sviluppo Economico ed elaborati dalla Staffetta, si ricava che il prezzo del carburante è salito. Dai dati di ieri mattina, infatti, si evince che (su 15 mila impianti circa) la benzina self service è arrivata ad un prezzo medio di 1,727 euro a litro e quindi il rincaro è +2 millesimi. Il diesel ad un prezzo medio di 1,593 euro a litro e l’aumento è sempre di 2 millesimi. La benzina servito ha invece un prezzo medio di 1,862 euro a litro con un +4 millesimi di aumento mentre il diesel è a 1,733 euro a litro con un +3 millesimi. Nulla di buono nemmeno per il Gpl con il servito a 0,822 euro/litro (+1 millesimo) e per il metano servito a 1,788 euro/kg (+10 millesimi). Il Gnl (gas naturale liquefatto) è a 2,114 euro al chilogrammo con un +18.

Come risparmiare per aumento prezzi carburanti?

Collegandosi al sito ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico il cui nome è Osservaprezzi Carburanti è possibile consultare il prezzo dei carburanti in tempo reale. Parliamo di quello praticato dai distributori (anche in autostrada) per benzina, gasolio, Gpl, Gnl e metano. Per impostare la ricerca, è necessario inserire la zona oppure l’area geografica, il percorso, la tratta autostradale o l’impianto preferito. In base alla scelta, poi, vengono richieste altre informazioni nel caso di area geografica, ad esempio, la regione, la provincia, il comune ed il tipo di carburante.

Va poi inserito l’ordine crescente o decrescente. In quest’ultimo caso comparirà il nome di tutti i distributori (compreso l’indirizzo) che applicano i prezzi più bassi.

Leggi anche: Assicurazione auto e moto ancora in calo, cresce l’online: come trovare la migliore per risparmiare
[email protected]

Argomenti: ,