Postepay: le nuove soluzioni per la sicurezza online

Ecco quali sono le nuove soluzioni per la sicurezza online per chi ha una carta prepagata Postepay: cosa succede il 14 settembre 2019?

di , pubblicato il
Ecco quali sono le nuove  soluzioni per la sicurezza online per chi ha una carta prepagata Postepay: cosa succede il 14 settembre 2019?

Postepay Spa e Poste Italiane stanno adeguando i propri sistemi di sicurezza e ciò seguendo le indicazioni PSD2 ovvero della Direttiva Europea Payment Services Directive in merito ai pagamenti online. Il fine è quello di contrastare nel modo più efficace possibile qualsiasi tentativo di frode.

Ma veniamo ai dettagli per quanto concerne la carta prepagata Postepay.

Cosa succede il 14 settembre 2019

Entro il 14 settembre 2019 dovranno essere adottati degli strumenti che consentiranno ai clienti di accedere ai propri dati riservati nonché confermare le operazioni online mediante una forte autenticazione il cui nome è Strong Customer Authentichation. L’applicazione Postepay e quella BancoPosta, quindi, diventeranno gli strumenti principali di forte autenticazione sui canali online.

Cosa serve e cosa fare

Per le nuove soluzioni di sicurezza online servirà innanzitutto la registrazione a poste.it. Inoltre il proprio numero di telefono dovrà essere associato ai propri strumenti finanziari e l’applicazione Postepay e quella BancoPosta dovrà essere installata sullo smartphone.

Regole dettagliate Postepay: per effettuare in sicurezza tutte le operazioni online dovranno essere eseguite due semplici operazioni. La prima sarà quella di associare il proprio numero di telefono alla Postepay mentre la seconda sarà quella di abilitare la carta prepagata Postepay.

Abilitare la propria Postepay in app sarà semplice: in primis si dovrà scaricare o aggiornare l’ultima versione dell’app Postepay. Si dovrà quindi accedere alla app con le proprie credenziali Poste.it. o l’impronta digitale e seguire le indicazioni che compariranno subito dopo. Si dovrà poi inserire il numero della carta Postepay: numero, scadenza ed il codice Cvv2 o Cvc2 che si troverà dietro la prepagata. Sarà poi necessario inserire il codice ricevuto sul numero di cellulare associato alla carta. Chi non lo ha già potrà creare il codice Poste ID ( che è un codice personale di 6 caratteri che permetterà di autorizzare le richieste di accesso in app) per completare l’abilitazione e autorizzare, così, tutte le operazioni dalla app e dal web. Fatte tali operazioni si potrà iniziare ad usare la app Postepay per operare online.

Associare numero telefono

Per associare il numero di telefono, invece, i modi saranno due: da ATM o da ufficio. Con il primo si dovranno compiere tre semplici passaggi. Si dovrà inserire la carta Postepay e selezionare la voce “servizi ed opzioni” e poi “sicurezza ed internet”. Sarà poi necessario inserire il Pin e poi il numero di cellulare da associare alla carta prepagata Postepay. Una volta inserito il gioco sarà fatto in quanto il proprio numero sarà associato alla carta. Si potrà quindi stampare anche un promemoria. L’altro modo sarà mediante l’Ufficio Postale. Si dovrà però portare con sé la propria carta Postepay, il Pin, un documento di identità ed il codice fiscale.

Leggete anche: Buoni fruttiferi postali di Poste Italiane: clausola “Cpfr” e info dematerializzati.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.