I mercati fanno festa anche in Benin, emesso con successo il secondo Eurobond

Lo stato africano ha collocato obbligazioni a lunga scadenza e spuntando tassi d'interesse relativamente contenuti, grazie all'alta domanda.

di , pubblicato il
Emesso Eurobond in due tranche nel Benin

Aveva debuttato nel 2019 sui mercati internazionali con un Eurobond. Nei giorni scorsi, vi è tornato con un secondo suddiviso in due tranche. Il Benin ha fatto il pieno con una scadenza a 11 anni per l’importo di 700 milioni e una di 31 anni da 300 milioni. In tutto, ha raccolto 1 miliardo di euro, a fronte di ordini per complessivi 3,1 miliardi, di cui 1,9 destinati alla prima tranche e 1,2 miliardi alla seconda. Il titolo a 11 anni è stato emesso a un tasso d’interesse del 4,8% e quello a 31 anni al 6,8%. Numeri di tutto rispetto per bond in euro, sebbene abbiamo a che fare con un rischio di credito molto alto. Le agenzie di rating assegnano al debito del Benin il giudizio di B+ (S&P), B (Fitch) e B2 (Moody’s).

L’emissione è stata, dunque, “non investment grade” o speculativa. Tuttavia, la finalità ha probabilmente attirato i capitali stranieri. Parte della raccolta sarà destinata a rimborsare anticipatamente il 65% del bond alla pari con scadenza marzo 2026 e cedola 5,75% (ISIN: XS1963478018). Oggi, questo titolo scambia in area 107, nettamente sopra la pari, offrendo un rendimento alla scadenza del 4,15%. Ma due anni fa veniva emesso a un prezzo di soli 98,77 centesimi, pari a un rendimento del 6%.

Flusso dei capitali verso i mercati di frontiera

In altre parole, il Benin sta cercando di approfittare dell’abbondante liquidità sui mercati per spuntare costi quanto più bassi possibili e allungare al contempo le scadenze, migliorando l’outlook del debito. Bisogna aggiungere che per il Benin le emissioni in euro non comportano un’esposizione reale verso una valuta estera, dato che la moneta locale è il franco CFA, legato all’euro da un “peg” fisso.

Grazie ad esso, il paese gode, assieme alla gran parte dell’Africa occidentale, della stabilità dei prezzi e finanziaria, in generale.

Il Benin è un’economia di frontiera con un PIL di appena 12 miliardi di dollari e pro-capite sotto i 1.000 dollari. Ma il crollo dei rendimenti presso tutti i mercati avanzati sta spingendo da mesi i capitali verso gli emergenti, in cui i bond stanno rincarando, rendendosi sempre meno appetibili. A questo punto, l’attenzione si sta spostando verso i mercati di frontiera, compresa l’Africa sub-sahariana. Il continente sta agganciandosi al treno degli indici internazionali per sperare in un maggiore afflusso di capitali esteri. E’ notizia di questi giorni, ad esempio, che il Marocco e le Mauritius sono stati inseriti nel Bloomberg African Bond Indices, il cui rating medio così migliorerà, trattandosi di emittenti con giudizi sovrani medio-alti rispetto al resto del continente (BBB-/BB+/Ba1 e Baa1 rispettivamente).

Mercati di frontiera nel mirino dei cacciatori di rendimento, non bastano neppure gli emergenti

[email protected]

Argomenti: , , ,