Green bond della Spagna, debutto domani e si guarda al ‘greenium’

Anche la Spagna debutta in settimana sul mercato dei green bond con un'emissione a 20 anni. Gli investitori guardano al rendimento.

di , pubblicato il
Green bond della Spagna

Anche la Spagna entra sul mercato dei green bond con una prima emissione che dovrebbe avvenire nella giornata di domani. L’attesa è per una raccolta di capitali per 5 miliardi di euro e relativamente a una scadenza a 20 anni. Madrid fa seguito a capitali come Varsavia, L’Aja, Berlino, Parigi e Roma, tutte già con alle spalle una o più emissioni sovrane di titoli “verdi”.

L’Italia emise il suo primo green bond all’inizio di quest’anno, puntando su una scadenza ultraventennale con il BTp aprile 2045 e cedola 1,5%. Parliamo di obbligazioni dal funzionamento perfettamente uguale a quelle ordinarie, dalle quali si distinguono per la finalità dei capitali raccolti. Questi dovrebbero essere impiegati a beneficio dell’ambiente, come per tagliare le emissioni inquinanti. Non esiste un vero obbligo in tal senso, tant’è che gli analisti mettono in guardia dal rischio di “greenwashing”, vale a dire di investire in titoli solo formalmente destinati a finanziare misure a sostegno dell’ambiente.

Green bond e “greenium”, rendimenti bassi

Tornando al green bond della Spagna, dicevamo che avrà durata di 20 anni. Allo stato attuale, la scadenza ordinaria offre meno dell’1%. Pertanto, la nuova emissione dovrebbe rendere qualche punto base in meno, in area 0,95%. Questo è quanto pensa il senior rates strategist di ING Group, Antoine Bouvet, che intravede un “greenium” di 3 punti base per il “fair value”. Per “greenium” s’intende un rendimento del green bond più basso di quello ordinario. Esso deriva dal fatto che la domanda per questi titoli sia tipicamente elevata. Nel caso dell’Italia, fu di quasi 10 volte superiore all’importo offerto.

Le emissioni di green bond sono sostenute dal Next Generation EU, noto anche come Recovery Fund, della Commissione europea.

Il 30% degli 800 miliardi di euro da emettere complessivamente per finanziare la ripresa economica post-Covid sarà raccolto ricorrendo proprio alle obbligazioni verdi. Questa pioggia di emissioni dovrebbe sostenere la liquidità di questo mercato in rapida crescita, pur ancora molto giovane. In settimana, comunque, la Germania vi farà ricorso con un’altra scadenza a 10 anni.

[email protected] 

Argomenti: , , ,