Bond India, Moody’s minaccia il rating e il mercato è nervoso

Il rating indiano è sotto osservazione da parte dell'agenzia Moody's, che lamenta i passi incerti del governo Modi in politica fiscale. I rendimenti delle obbligazioni di stato sono in rialzo, pur decisamente sotto i livelli di inizio anno.

di , pubblicato il
Il rating indiano è sotto osservazione da parte dell'agenzia Moody's, che lamenta i passi incerti del governo Modi in politica fiscale. I rendimenti delle obbligazioni di stato sono in rialzo, pur decisamente sotto i livelli di inizio anno.

L’agenzia Moody’s ha messo sotto sorveglianza il rating sovrano dell’India, declassando da “stabile” a “negativo” l’outlook dei bond. Nel 2017, la stessa aveva promosso il suo giudizio sulle obbligazioni di stato indiane da “Baa3” a “Baa2”, di fatto avallando le politiche fiscali del premier Narendra Modi, il quale quest’anno ha ottenuto un secondo mandato dagli elettori e ha visto crescere i consensi e i seggi per il suo BJP, partito conservatore e nazionalista.

I rendimenti a 10 anni sono saliti dal 6,45% al 6,56% dopo la notizia, ma il nervosismo appare tutt’altro che momentaneo. Il calo dei rendimenti si è arrestato nel luglio scorso, quando il decennale era arrivato ad offrire circa il 6,33%, mentre il biennale ha raggiunto il suo minimo alla fine di ottobre con il 5,60%, attestandosi adesso al 5,65%.

In ogni caso, quest’anno il bilancio per il mercato obbligazionario sovrano dell’India resta più che positivo. Il decennale viaggiava al 7,45% e il biennale sopra il 7% a inizio 2019. Da allora, hanno beneficiato del taglio dei tassi da parte della Reserve Bank of India per 135 punti base cumulati, ridotti ad ottobre al 5,15%, il livello più basso da 9 anni a questa parte. A settembre, però, l’inflazione ha rialzato la testa, attestandosi al 4%, in netta accelerazione dal 3,3% di agosto e ai massimi da circa un anno. Ha pesato certamente in negativo la crisi delle cipolle, che ha spinto il governo a intervenire con il divieto assoluto di esportazione.

Il mercato dei bond in India non approfitta più del taglio dei tassi

Rendimenti indiani non più calanti

Se la fiammata rientrasse entro tempi brevi, la RBI disporrebbe di ulteriori margini per tagliare i tassi, cosa che sosterrebbe il mercato sovrano. Le motivazioni addotte da Moody’s per la revisione del rating sono essenzialmente due: ridotta capacità del governo di perseguire con efficacia i suoi obiettivi di politica economica e passo più incerto sul fronte delle riforme rispetto al 2017, quando vi fu l’upgrade. Il deficit fiscale di Nuova Delhi si è attestato al 3,4% del pil nel 2018 e per quest’anno l’obiettivo del governo è del 3,3%.

Il vero problema, tuttavia, sta riguardando i debiti fuori bilancio degli enti statali, le cui emissioni copiose di questi mesi finiscono per fare concorrenza a quelle sovrane, facendo loro pressione sui rendimenti.

Non ha giovato nemmeno l’annuncio di una prima emissione in dollari, che sarebbe una prima assoluta per i bond governativi indiani, ma che dopo le furenti polemiche dei mesi scorsi non si sa se sia effettivamente ancora nei radar del governo. In molti temono che indebitarsi in valuta americana porterebbe a conseguenze negative per i conti pubblici nel caso di indebolimento successivo della rupia indiana. Il cambio quest’anno ha perso il 2,8% contro il dollaro, anche se sta recuperando rispetto ai minimi storici toccati a fine settembre. Intimoriscono anche i dati macro, con la crescita del pil nel secondo trimestre di appena il 5%, ai minimi da 5 anni, così come le entrate fiscali si mostrano in calo e la spesa pubblica in tendenziale rialzo quasi a doppia cifra nel primo semestre dell’anno fiscale in corso e che si concluderà nel marzo 2020.

L’India conferma emissioni di obbligazioni sovrane in dollari, economisti e governo divisi

Le soluzioni per evitare un peggioramento del rapporto debito/pil e del rating sovrano sarebbero le privatizzazioni degli assets e politiche fiscali più solide, tenendo a bada la spesa e al contempo allargando la base imponibile per recuperare il gettito perduto con il taglio alle tasse varato in favore delle imprese. In teoria, uscito da poco vincitore dalle urne, Modi avrebbe il tempo per compiere i passi giusti e per allontanare un “downgrade” di cui l’India non avrebbe certo bisogno.

[email protected] 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , ,

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami