Zone Ztl, permessi per disabili da oggi validi in tutta Italia

Il permesso disabili per circolare nelle zone Ztl è oggi valido in tutti i Comuni italiani. Al via archivio unico nazionale per le targhe registrate.

di , pubblicato il
Il permesso disabili per circolare nelle zone Ztl è oggi valido in tutti i Comuni italiani. Al via archivio unico nazionale per le targhe registrate.

Novità importanti per le zone Ztl e permessi per guidatori disabili. Da oggi sono validi in tutta Italia, così come previsto dal decreto legge Semplificazioni.

Una norma che sicuramente renderà più semplice e agevole l’utilizzo dei veicoli da parte dei disabili in ogni Comune italiano in cui è stata istituita una zona Ztl (zone a traffico limitato) e per la quale i conducenti provvisti di regolare permesso potranno circolare liberamente.

Permessi per disabili nelle zone Ztl

Le persone con disabilità potranno così circolare con i loro veicoli su tutto il territorio nazionale con un unico permesso: ne basterà uno “per accedere alle Ztl in tutta Italia“. E’ questa una delle novità introdotte dal dl Semplificazione, uscito in Gazzetta ufficiale, secondo quanto riporta il ministero dell’Innovazione sul suo sito, facendo un elenco delle misure volte alla digitalizzazione. Ciò “sarà possibile grazie ad una piattaforma unica informatica, presso il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che consentirà di verificare le targhe associate a permessi di circolazione dei titolari di contrassegni“, si legge sul sito. Fino a oggi invece “il permesso di circolazione per accedere nelle zone a traffico limitato (Ztl) per i veicoli delle persone con disabilità è valido solo nel Comune in cui è stato richiesto. Per poter accedere alle Ztl in altri Comuni è necessario effettuare una pratica“.

Contrassegno valido in tutti i Comuni d’Italia

Certo la novità potrebbe non essere subito recepita da tutti i Comuni, ma grazie all’informatizzazione e all’accentramento di tutti i dati in un unico archivio nazionale, sarà presto più agevole verificare in automatico la regolarità dei permessi rilasciati dai Comuni. La legge (art. 11 del DPR.

503/1996) prevede che la persona disabile (o chi la accompagna) dotata di contrassegno auto possa circolare e sostare nelle zone a traffico limitato, oltre che nelle aree pedonali urbane, qualora nelle medesime aree sia autorizzato l’accesso anche ad una sola categoria di veicoli di trasporto di pubblica utilità. A ciò si aggiunge però l’obbligo, per il conducente, di comunicare al Comune nel quale si intende transitare, il numero di targa dell’auto che accederà alla ZTL. Tale comunicazione va fatta entro le 48 ore successive al transito. Spesso questo obbligo non è noto agli automobilisti disabili, soprattutto se si transita da un Comune all’altro con una certa frequenza. Il risultato è che poi arrivano le multe. Contravvenzioni che solitamente vengono, poi, annullate su richiesta, come sentenziato da alcune pronunce della Corte di Cassazione, ma che comunque rappresentano sempre un fastidio.

La comunicazione al Comune entro 48 ore

Resta l’obbligo di comunicare entro 48 ore al Comune il passaggio nella zona Ztl del disabile provvisto di contrassegno che utilizza un veicolo diverso dal suo o da quello comunicato, mediante numero di targa, alle autorità. Questo perché il sistema in automatico potrà recepire l’autorizzazione concessa al veicolo registrato nell’archivio nazionale, per cui se il disabile transita in zona Ztl, con veicolo diverso a lui non intestato o viene accompagnato da terzi a transitare nelle zone a traffico limitato, questi dovrà informare il Comune di appartenenza onde evitare la contravvenzione. “L’obbligo di comunicazione del transito entro le 48 ore successive posto a carico del possessore del contrassegno speciale – sottolinea la Corte di Cassazione – non può rendere illegittimo l’accesso effettuato da chi ne abbia diritto, ma serve ad evitare di comminare sanzioni a soggetti legittimati all’accesso”.

Argomenti: ,