Superbonus 110% proroga senza tagli fino al 2025, ecco come ed in quali aree del Paese

Superbonus 110% proroga senza tagli fino al 2025, ecco come ed in quali aree del nostro Paese sarà possibile. Grazie ad un emendamento alla manovra. Già approvato!

di , pubblicato il
Superbonus 110% proroga senza tagli fino al 2025, ecco come ed in quali aree del Paese

Per il superbonus 110% arriva la proroga senza tagli fino al 2025. Ecco come. Ed in quali aree del nostro Paese. Ovverosia, nelle zone che, da L’Aquila al Centro Italia, negli ultimi anni sono stati colpite dal terremoto.

In particolare, il superbonus 110% con la proroga senza tagli fino al 2025 nelle zone terremotate arriva grazie ad un emendamento alla manovra finanziaria. Quella per il prossimo anno. Un emendamento alla legge di Bilancio che, in particolare, ha già ottenuto il via libera. Da parte della commissione Bilancio del Senato.

Superbonus 110% con la proroga senza tagli fino al 2025. Ecco come ed in quali aree del nostro Paese

Il superbonus 110% con la proroga senza tagli fino al 2025, per gli interventi edilizi, andrà così ad incentivare e ad agevolare la ricostruzione nelle zone terremotate. Nonché a sostenere l’economia nel suo complesso. Ed a favorire pure la transizione ecologica.

Oltre al superbonus 110% con la proroga senza tagli fino al 2025 nelle zone terremotate, inoltre, ci sono pure altre importanti novità. Sempre sulla maxi agevolazioni di Stato. Tra queste, l’attesa eliminazione del tetto ISEE. Previsto e fissato inizialmente per le villette unifamiliari. Così come è riportato in questo articolo.

Introdotta la maxi agevolazione di Stato pure per le case con il teleriscaldamento

Oltre al superbonus 110% con la proroga senza tagli fino al 2025 nelle zone terremotate, novità arrivano pure per una specifica tipologia di immobili. Ovverosia, per le case con teleriscaldamento. Che potranno ora accedere al 110. E questo, in particolare, grazie ad una norma interpretativa che, allo stesso modo, è stata approvata dalla commissione Bilancio del Senato. Per decine di migliaia di case con il teleriscaldamento che si contano in tutta Italia, quindi, la norma interpretativa apre al 110.

E sostanzialmente evita le discriminazioni nell’accesso alle detrazioni fiscali.

Argomenti: