Neopatentati alla guida: novità importante sui limiti di velocità ma in alcuni casi serve un guidatore esperto al fianco

I neopatentati adesso possono guidare auto potenti, ma ci sono altri vincoli da rispettare e restano i limiti di velocità.

di , pubblicato il
I neopatentati adesso possono guidare auto potenti, ma ci sono altri vincoli da rispettare e restano i limiti di velocità.

Guida libera per i neopatentati. Importanti novità sono state introdotte con il Decreto Infrastrutture che ha apportato alcune modifiche anche al codice della strada.

Da metà novembre 2021 cade infatti il limite di potenza di guida auto per neopatentati. Dal 2011 la legge aveva stabilito fastidiosi limiti alla potenza dei veicoli a motore da guidare per il primo anno dal conseguimento della patente.

Neopatentati, sparisce il limite di potenza

Più nello specifico, chi aveva conseguito la patente di guida di tipo B non poteva guidare veicoli la cui potenza massima, in relazione al peso della vettura, non può superare il rapporto peso/potenza di 55 kw (= 75 cavalli) per tonnellata. E comunque non può avere una potenza massima superiore a 70 KW (= 95 cavalli).

Così, da metà novembre, tutti i neopatentati che hanno appena conseguito la patente B non dovranno più rispettare i limiti previsti fino a poche settimane fa. L’articolo 117 comma 2-bis del Codice della Strada è stato rivisto dando la possibilità ai neopatentati di guidare ogni tipologia di veicolo.

Tuttavia, la guida per i neopatentati non rimane libera per le auto con potenza superiore ai parametri di cui sopra. Per poter guidare auto potenti è necessario l’accompagnamento di un guidatore esperto, con almeno 10 anni di patente e di età inferiore a 65 anni. Diversamente si potrà guidare da soli solo veicoli con potenza limitata.

Velocità limitata per 3 anni

Restano in vigore gli altri divieti per i neopatentati. Il Codice della Strada vieta, per i primi 3 anni dal conseguimento della patente, il superamento dei 90 km/h su strade extraurbane principali (quelle dove il limite standard è di 110 km/h) e il superamento dei 100 km/h in autostrada (laddove il limite è di 130 Km/h).

Per i neopatentati che trasgrediscono tali norme, le multe spaziano da un minino di 160 euro a un massimo di 641 euro, mentre nei casi più gravi c’è anche la sanzione accessoria della sospensione della patente da 2 a 8 mesi. In ogni caso è prevista la decurtazione di punti dalla patente doppia rispetto agli altri automobilisti.

A titolo di esempio in tema di velocità: 6 punti per il superamento dei limiti di velocità da 10 a 40 km/h, 12 punti per il superamento dei limiti da 40 a 60 km/h, 20 punti per infrazioni di oltre 60 km/h rispetto ai limiti previsti.

Argomenti: ,