Indennità di accompagnamento non riconosciuta con l’invalidità, cosa posso fare? | La Redazione risponde

L'indennità di accompagnamento non è stata riconosciuta nella richiesta di invalidità, se faccio un'altra richiesta perdo i tre mesi prima? | La Redazione risponde.

di , pubblicato il
invalidità malati oncologici

Indennità di accompagnamento, il quesito di una nostra lettrice.

Salve, le scrivo per un consiglio:

ho fatto domanda per la pensione, essendomi stato diagnosticato un tumore al seno (3G triplo negativo) e, nel contempo, anche per la totale mancanza di udito all’orecchio destro.
Il mio medico di base però, non ha richiesto l’accompagnamento, quindi mi è stata concessa un’unvalidita del 100%, ma non quest’ultimo.
Al CAF mi hanno detto che dovrei rifare la domanda, perdendo ovviamente i tre mesi di accompagnamento.
Poiché mi sono sembrati un po’ approssimativi, mi è venuto qualche dubbio e ho pensato di rivolgermi a una persona competente in materia, quale lei è.
Inoltre volevo chiederle se poi, una volta trascorsi i cinque anni, sperando che tutto vada bene, continuerò a ricevere la pensione per il problema all’orecchio, dato che il danno è permanente.
La ringrazio in anticipo e attendo una sua risposta. Cordiali saluti

Purtroppo, lei perde i primi tre mesi dal riconoscimento dell’invalidità al 100% perché il beneficio viene corrisposto partire dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda. 

Le auguro di rimettersi presto, comunque passati i cinque anni, valuteranno la sua situazione clinica. In riferimento all’udito con danno permanente, anche qui, trascorso il periodo, bisognerà fare un tracciato audiometrico e fare un calcolo tabellare tra le due capacità uditive, sarà valutata tutta la sua situazione clinica.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , ,