Errori F24: su Fisconline e Entratel l’autocorrezione online con Civis F24

Da oggi è possibile correggere da soli gli errori nella compilazione del modello F24 grazie a Civis, disponibile per utenti Fisconline e Entratel. L’Agenzia delle Entrate spiega come con un video tutorial

di , pubblicato il
Da oggi è possibile correggere da soli gli errori nella compilazione del modello F24 grazie a Civis, disponibile per utenti Fisconline e Entratel. L’Agenzia delle Entrate spiega come con un video tutorial

La compilazione del modello F24, e l’eventuale correzione online degli errori, diventa più facile con Civis F24, il nuovo strumento per utenti Fisconline e Entratel. L’Agenzia delle Entrate ha spiegato come funziona con una guida sul sito e in un video tutorial caricato su  Entrate in video, il canale youtube del Fisco.   Al termine della correzione tramite Civis F24, sarà anche possibile richiedere un feedback gratuito per scoprire se la modifica è andata a buon fine. Guida alla compilazione del Modello F24

Modello F24: requisiti per l’autocorrezione online

Quando può essere modificato l’F24 online tramite il servizio Civis? La domanda di correzione presuppone le seguenti condizioni della delega:

  • risulti acquisita nella banca dati dell’Anagrafe Tributaria;
  • riguardi tributi gestiti dall’Agenzia;
  • sia stata inoltrata negli ultimi tre anni solari antecedenti l’anno della richiesta;
  • contenga almeno un tributo non abbinato.

Correzione F24 online: procedura per utenti Fisconline e Entratel

La procedura per l’autocorrezione mediante Civis F24 è facile. Prima di tutto occorre autenticarsi con le credenziali Fisconline o Entratel personali e cliccare su “Richiesta modifica F24”. Una volta selezionato il versamento da modificare, vanno inserite le modifiche e poi inviata la richiesta. Gli utenti a questo punto possono chiedere l’invio gratuito dell’avviso di conclusione della pratica mediante sms o e-mail e controllare online l’esito della richiesta di modifica. Civis F24 è ora disponibile in tutta Italia dopo una prima fase di sperimentazione per gli utenti di Lombardia e Piemonte.

Argomenti: