Vacanze estive: ecco le Regioni dove bisogna registrarsi all’arrivo

Le Regioni dove i turisti devono registrarsi al loro arrivo, come funziona l'autosegnalazione.

di , pubblicato il
Le Regioni dove i turisti devono registrarsi al loro arrivo, come funziona l'autosegnalazione.

Sono settimane molto importanti per una vera ripresa e un quasi ritorno alla normalità dopo il caos provocato dal coronavirus. Da lunedì parte la fase 3 e nuove regole saranno valide fino al 14 luglio. Restano in ballo ancora le questioni riaperture ai paesi esteri, anche se tra il 15 e il 30 giugno la maggior parte di quelli europei riapriranno all’Italia. Per quanto riguarda le Regioni italiane, al momento è possibile spostarsi ovunque ma è anche vero che alcune Regioni impongono una registrazione per i cittadini in entrata o un’autosegnalazione. Questo può essere utile soprattutto al fine delle vacanze estive, dove gli spostamenti saranno ancora di più. 

Regioni dove è prevista registrazione, Sardegna e Puglia

Tra le Regioni dove è prevista la registrazione c’è la Sardegna, che ha rinunciato alla patente di immunità per i turisti ma chiede che coloro che giungono sull’isola si registrino tramite una piattaforma digitale consultabile tramite il sito della Regione Sardegna. Basterà indicare da dove si arriva e quali saranno gli spostamenti all’interno della Regione. I turisti dovranno poi compilare un questionario, due giorni prima dell’arrivo, in cui si indica il proprio stato di salute. Una volta sbarcati dovranno avere con sé la ricevuta di registrazione. Giunti sull’isola riceveranno un messaggio di benvenuto con tutte le regole da rispettare. Molto presto dovrebbe anche lanciata l’app Sardegna Sicura.

Leggi anche: Spiagge post coronavirus: numero chiuso e ticket, il caso della Sardegna

Un modulo di segnalazione è previsto anche in Puglia. Dovrà essere compilato da tutti i turisti e si dovranno indicare, oltre che le date di arrivo e partenza, anche da dove si proviene e i luoghi che si visiteranno, dove si alloggerà e con chi si viaggia nonché il mezzo di trasporto utilizzato e gli spostamenti in altri Comuni.

Il documento si potrà compilare online sul sito della Regione e andrà stampato e conservato. 

Basilicata e Sicilia

Stesso sistema di segnalazione anche in Basilicata, dove tutti coloro che arriveranno dovranno segnalarlo all’apposito numero verde istituito dal governo regionale. Un’altra regione dove è prevista l’auto segnalazione è la Sicilia. Chi arriva dovrà registrarsi tramite il portale Sicilia SiCura che prevede anche le Uscat, cioè le Unità sanitarie di continuità assistenziale turistica. In tal senso ai turisti sarà garantita assistenza medica in caso di problemi.

Leggi anche: Vacanze in Sardegna e Sicilia con il passaporto sanitario: l’idea che divide

[email protected]

Argomenti: ,