Ritorno alla lira: ecco cosa accadrebbe a stipendi, pensioni e bollette se uscissimo dall’euro

Che cosa accadrebbe se l'Italia uscisse dall'Euro? Focus su stipendi, pensioni e bollette.

di Chiara Lanari, pubblicato il
Che cosa accadrebbe se l'Italia uscisse dall'Euro? Focus su stipendi, pensioni e bollette.

Il governo del cambiamento ha ricevuto il semaforo rosso dal Quirinale a causa del nome di Paolo Savona al Tesoro. L’economista sardo in passato ha criticato l’architettura europea e per questo motivo viene considerato come euroscettico. Negli ultimi giorni il suo Piano B, che prevede un’uscita dall’eurozona da parte dell’Italia, ha occupato le pagine dei maggiori quotidiani finanziari. In molti hanno dunque riproposto il tema del ritorno alla Lira, qualora l’Italia rinunciasse all’euro, con la probabile implosione dell’intera unione europea monetaria, dettaglio questo non trascurabile all’interno di un’analisi completa. Il Sole 24 Ore, in un approfondimento a cura di Enrico Marro, si è domandato cosa succederebbe a stipendi, pensioni, mutui e bollette qualora si verificasse una situazione di questo tipo. La risposta che il maggiore quotidiano economico italiano si è dato non è delle più rosee.

L’Italia paragonata ai Paesi del Sudamerica

Ritorno alla lira? No, grazie. In sintesi estrema è questa l’opinione del giornalista Marro di fronte allo scenario nostalgico del ritorno al vecchio conio. Nel crollo verticale tratteggiato subito dopo la teorica uscita dall’euro, l’Italia viene paragonata a Venezuela e Argentina. Le tinte sudamericane sono tetre, così come cupo sarebbe il destino per gli stipendi, i quali da una parte perderebbero di valore – così come le pensioni – di fronte ad un’inflazione a doppie cifre, dall’altra si assisterebbe ad una forte diminuzione di quest’ultimi, in uno scenario di forte aumento della disoccupazione causato dalla crisi del sistema imprese. I mutui e le bollette, al contrario, schizzerebbero alle stelle.

Ritorno alla Lira, no grazie

I primi, stipulati con l’euro, aumenterebbero a dismisura con la lira, la quale non potrebbe tenere il passo della moneta unica. Le bollette, invece, risentirebbero del fatto che l’Italia si troverebbe obbligata ad acquistare con una Lira svalutata sia l’elettricità che il gas, non essendo autosufficiente, con evidenti ripercussioni negative sui prezzi per i cittadini. Insomma uno scenario non roseo ma crediamo improbabile. In queste ultime ore, intanto, si attendono notizie sul prossimo Governo; dopo la nomina con riserva per Carlo Cottarelli è tornato in auge un Governo politico con Salvini/Di Maio ma senza Savona (che potrebbe avere un ruolo nel Governo ma non al Mef). C’è dunque molta attesa per l’incontro Salvini-Di Maio.

Leggi anche: Italia fuori dall’euro? Ecco come e cosa accadrebbe con il ritorno alla lira

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Economia Europa, Economia Italia, Politica, Politica italiana

I commenti sono chiusi.