Rincari spiagge: le norme anti-covid fanno alzare i prezzi di una giornata al mare

Secondo Altroconsumo le norme anti-contagio hanno causato rincari sulle spiagge rispetto allo scorso anno.

di , pubblicato il
Secondo Altroconsumo le norme anti-contagio hanno causato rincari sulle spiagge rispetto allo scorso anno.

Le misure anti-covid hanno determinato un rincaro dei prezzi in spiaggia anche del 35%. Secondo un’interessante indagine di Altroconsumo a rimetterci sono i bagnanti. Rispettare le varie misure anti-covid per le spiagge significa dover predisporre dei costi aggiuntivi, senza contare che se rispettate, queste misure impongono la distanza tra ombrelloni, che di conseguenza significa meno presenze in spiaggia. I gestori dei lidi guadagnano meno ma per affrontare tutti questi costi rincarano i prezzi.

Una giornata al mare diventa un salasso

Da quando è iniziata la stagione estiva, i gestori delle spiagge hanno dovuto predisporre alcune misure come i gel igienizzanti pronti all’uso, gli ombrelloni lontani, percorsi ad hoc e cartelli. Oltre a ridurre i guadagni dei lidi, questi costi vanno ad incidere negativamente per i bagnanti che arrivano a spendere il 35% in più. A dirlo è un’indagine di Altroconsumo, che ha analizzato uno studio su 117 stabilimenti in Sicilia, Lazio, Liguria, Toscana, Emilia Romagna, Campania e Marche svelando dei rincari non indifferenti anche ad agosto.

Quanto si paga in più?

Confrontando le tariffe dello scorso anno con quelle di quest’anno, infatti, è emerso che un rincaro c’è stato. Si parla del 5% in più per noleggiare ombrellone e lettino per 1 mese, il 15% in più per un abbonamento settimanale, il 12% in più per un giorno. Tutto ovviamente dipende anche dalla località e dai servizi offerti. Ad esempio, a Finale Ligure, in provincia di Savona, l’anno scorso si pagavano 33 euro per una giornata al mare, oggi 45. Ancora più cari sembrano gli abbonamenti settimanali. In questo caso è ancora la Liguria tra le più care 282 euro contro i 225 dello scorso anno, rincari anche ad Anzio (472 contro 415), la penisola sorrentina, dove i prezzi sono aumentati del 32%.

Tra i lidi meno cari quelli siciliani. Tutti i lidi comunque sembrano aver rispettato le norme anti-covid relative al distanziamento tra ombrelloni tra 10 e 25 metri.

Leggi anche: Le spiagge più care d’Italia: ecco dove ombrellone e lettino costano 400 euro

[email protected]

Argomenti: ,